50 anni fa: le nozze d'oro dello scudetto del Cagliari

  • Scritto da Effe_Pi

Cade in una strana Pasqua di tempi di virus lo storico anniversario del più grande successo mai ottenuto dal calcio in Sardegna, il 12 aprile 1970.

La Sardegna e Cagliari festeggiano una Pasqua di quarantena del tutto particolare, che insieme è anche il 50simo anniversario dello storico scudetto rossoblù. Mezzo secolo è passato dal più grande successo del calcio sardo, e i balconi  diventano tutti rossoblu, per l'occasione, visto che non si può scendere in piazza. Vale tutto: bandiere, sciarpe, magliette vecchie e nuove, disegni dei bambini. Un tricolore storico, la prima volta più a sud di Roma nella storia del campionato italiano. Era il 12 aprile 1970: il Cagliari, che l'anno prima aveva concluso in testa il girone di andata ma poi era stato sorpassato dalla Fiorentina, ha in mano il match point.

LEGGI ANCHE | Il Cagliari dello scudetto in un libro

Deve vincere con il Bari. E, per la conquista matematica del tricolore, deve sperare che la Juventus cada a Roma con la Lazio. Succedono tutte e due le cose. La squadra di Scopigno regola i pugliesi con i gol del suo bomber, Gigi Riva, e del suo partner d'attacco, Bobo Gori. E la Lazio batte la Juventus, gol di Ghio e Chinaglia. A Cagliari scoppia il finimondo. "C'è chi piange e chi ride, la gente è impazzita - scrive Bruno Bernardi nella biografia intitolata Rombo di tuono, storia e leggenda di Gigi Riva - due latitanti, che hanno voluto essere testimoni dell'avvenimento storico, vengono riconosciuti dai carabinieri allo stadio e arrestati. Sono felici ugualmente".

Riva grande protagonista della stagione: "Il ricordo più bello della mia storia di calciatore". Dopo il fischio finale, l'apoteosi: "È stato come un sogno, ci abbracciavamo tutti e ci riabbracciavamo - ha detto -Eravamo una sola cosa, chi giocava e chi giocava di meno. Quando siamo scesi negli spogliatoi c'era Scopigno in lacrime. E il pubblico era in estasi. Io penso che nessuno di quelli che era lì quel giorno possa mai dimenticarsi di quello che è successo in quella partita".