IN Breve

IN_Cinema & Spettacoli

(@BassoFabrizio) C'è chi li chiama standard e chi le chiama cover. Poi c'è chi quando ci mette mano e voce li stravolge e ne fa magia. E' il caso dell'artista Amalia Gré col suo nuovo singolo Goodbye Pork Pie Hat, brano che la ha folgorata in "una splendida sera d’estate. Lo ho ascoltato a San Francesco al Prato a Perugia suonato dall’orchestra di Gil Evans, e che mi ha fatto decidere che sarei diventata una cantante di jazz. È lo standard americano con cui ho cominciato il mio percorso musicale". Il 22 novembre Amalia Gré pubblica il nuovo album Beige. La seguo dal suo secondo album Per Te, pubblicato prima della sua incisiva apparizione sul palco del Festival di Sanremo. Nel tempo il suo nome ogni tanto usciva nelle chiacchiere tra amici, in famiglia, con i colleghi...e ora eccola apparire con un nuovo lavoro. Lei è pittrice, designer, cantautrice, mamma...lei è tante cose e le fa tutte bene. La ho intervistata. Amalia cosa hai fatto in questi anni senza musica? Ho fatto cose nella moda, mostre d’arte, ho creato un’altra figlia e mi sono dedicata a lei. Il mio compagno suona il basso con me e quindi abbiamo dato priorità alla famiglia. Però la musica è restata nella tua vita. Ho scritto tanto e ho messo in cantiere un progetto di standard per le canzoni che mi hanno formato professionalmente. Perché hai optato come singolo per Goodbye Pork Pie Hat?  Lo ritengo il brano ponte tra passato e futuro. La prima volta che lo ho ascoltato mi ha illuminato e portato verso il jazz, mi ha fatto capire che la mia anima deve andare da quella parte. So che dopo quello di standard arriverà una album di inediti. Si e avranno una scrittura più attualizzata. Mi informo e sono molto nel mondo, so cosa accade. Un artista vive di fasi. La tua adesso? Io non voglio essere quella di ieri, mi annoio io per prima a ripetermi. Sarà una produzione più corposa, mi metto in gioco umanamente. In Italia c'è diffidenza verso chi padroneggia più arti: e tu sei regina di duttilità. C'è molto provincialismo, rimaniamo un paese con la testa ancora da aprire. Io ho avuto la fortuna di stare all’estero. Andare a New York fa esplodere le idee, se resti a casa a fare seratine con la mamma che ti cucina quando rientri non evolverai mai. La bellezza del jazz? E' che puoi non cantare la stessa melodia tutte le volte e non essere sempre su quelle note. Puoi improvvisare una nuovo melodia sul momento perché ti annoi con la stessa melodia e il jazz fa viaggiare la testa. Resta un genere ostico. Io non sono una jazzista bigotta. Ho studiato jazz ma amo essere trasversale, ci ho messo elettronica e ritmiche strane. L'amore è una costante della tua musica. I sentimenti passano anche attraverso una immagine su internet. E’ diverso il mezzo ma la vena pulsante passa lo stesso. Un mini video può essere dolce come un quadro. Il mondo dei sentimenti è sempre quello ma solo più veloce. Prossimo appuntamento? Cominceremo con i live e prometto che mi impegnerò per essere più fedele possibile a quello che ho registrato. E la mia elettronica la voglio anche live.    
Da un'espulsione con infamia dalla Marina tedesca in breve tempo Reinhard Heydrich passa in breve tempo alla nomina, da parte di Heinrich Himmler, quale responsabile dell'Intelligence delle SS ancor prima che Hitler divenga Cancelliere del Reich. Nominato a guerra iniziata Protettore di Boemia e Moravia si provvederà a pianificare la Soluzione finale nei confronti degli ebrei. A occuparsi di lui nel 1942 saranno due giovani soldati: Jan Kubis (ceco) e Jozef Gabcik (slovacco) che, dopo un addestramento a Londra, hanno l'incarico di compiere una missione mai tentata fino ad allora. Devono eliminare un esponente delle alte sfere del potere nazista: Reinhard Heydrich. Jason Clarke, Rosamund Pike e Mia Wasikowska nel film, ispirato al romanzo di Laurent Binet "HHhH", che fornisce un ritratto inedito di Reinhard Heydrich, uno dei più potenti gerarchi della Germania nazista. L’ascesa politica di Heydric: dalla nomina a responsabile dell'Intelligence delle SS da Himmler fino all’ideazione della “soluzione finale della questione ebraica”. L’appuntamento è su Sky Cinema Due sabato 23 novembre alle 21.15.
Dopo Regno Unito, Germania, Africa e Asia arriva anche in Italia il nuovo format televisivo, punto di riferimento della musica rap internazionale e, il suo volto di punta, non poteva che essere uno degli esponenti di spicco della scena hip hop del nostro Paese. Classe 1989 – all’anagrafe Emiliano Rudolf Giambelli – Emis si avvicina al rap all'età di 14 anni, attratto principalmente dalle rap battle, disciplina che coltiva da subito in strada. Nel corso della sua fortunata carriera ha collaborato con i principali esponenti della scena rap tra cui: Big Fish, Guè Pequeno, Marracash, Fabri Fibra, Tormento e tanti altri. “Sono felice di tornare in televisione con un programma che sembra fatto su misura per me. Mi trovo nel mio habitat naturale e più che un lavoro sarà del tempo trascorso con i miei amici. Bello anche che MTV riproponga la sua originale natura, la musica – ha dichiarato Emis Killa – Spero che questo contribuisca a far crescere ulteriormente un fenomeno già consolidato negli ultimi anni. W il rap.” Il party YO! MTV Raps – che si è tenuto ieri, mercoledì 20 novembre, durante la Milano Music Week, di cui Viacom Italia è per il terzo anno consecutivo main partner – è stato l’occasione perfetta per presentare in grande stile il conduttore dell’iconico programma e per iniziare ad immergersi nell’atmosfera dello show, che sarà una vera e propria novità per il panorama televisivo attuale. Un punto di vista alternativo non solo per far conoscere in maniera più approfondita la scena rap italiana, ma anche per parlare più da vicino ai giovani, attraverso i generi musicali che oggi più li rappresentano. Da sempre, infatti, MTV ha un rapporto storico con le nuove generazioni con le quali ha uno scambio continuo capace di alimentare una relazione onesta e diretta.  Dopo il suo debutto 30 anni fa – il 6 agosto 1988 – YO! MTV Raps è diventato il punto di riferimento per lo scenario hip hop. L’avvento del programma ha avuto un ruolo cruciale nella diffusione della musica rap: ha contribuito a creare un interesse mondiale per il genere e ha aumentato l’attenzione nei confronti della cultura hip hop, diventando un fenomeno mainstream musicale a livello mondiale.
A cavallo tra gli 90 e i 2000, Robbie Williams è stato probabilmente l’artista più famoso in Europa. Un successo nato dopo anni tribolati e arrivato dopo l’addio ai Take That. Dopo un avvio in sordina, il brano che cambia radicalmente la sua carriera è “Angels”. Lo straordinario impatto della canzone gli permette di rianimare le vendite del suo primo album da solista inanellando poi una serie di successi indimenticabili. In tutto le vendite delle sue pubblicazioni superano le 80 milioni di copie, con ben dodici album (record assoluto) e nove singoli nella vetta delle classifiche del Regno Unito. Ha vinto 18 BRIT Awards ed è a tutti gli effetti l’artista con più vittorie, il doppio rispetto a tutti gli altri premiati finora (Adele e i Coldplay sono a quota 9 statuette). Nel 2004 fu inserito nella UK Music Hall of Fame e fu eletto più importante artista britannico degli anni novanta. Nel 2006 è entrato nel Guinness dei primati per aver venduto 1,6 milioni di biglietti in un solo giorno per il tour mondiale del 2006. Dieci anni dopo è stato nominato “BRITs Icon” al Troxy di Londra, riconoscimento avuto finora soltanto da Elton John e David Bowie. A tre dal suo ultimo album, ritorna con un album natalizio ricco di grandi sorprese. Venerdì 22 Novembre uscirà “Christmas Present”, diviso in “Christmas Past”, con classici della tradizione, e “Christmas Future”, con brani inediti che vedono la partecipazione di Rod Stewart, Bryan Adams, Jamie Cullum, Tyson Fury e Peter Conway, papà di Robbie Williams. In attesa di scoprire il suo nuovo album, diamo un’occhiata alle canzoni più famose di Robbie Williams: Feel Angels Love my life Better man Come undone Let Me Entertain You Supreme Sexed Up No Regrets She’s the One Feel Uno degli album più apprezzati dalla critica e dal pubblico è “Escapology”, uscito nel 2002. Per lanciare il disco fu scelto il singolo “Feel”, brano scelto anche per pubblicizzare un noto marchio automobilistico. Il video mostra Robbie Williams vestito da cowboy in compagnia dell’attrice Daryl Hannah. Il brano ha raggiunto i primi posti in classifica in tutta Europa vendendo in tutto oltre 2 milioni di copie. Angels “Angels” è il probabilmente il brano di maggior successo di Robbie Williams. Tratto da “Life thru a Lens”, è il suo singolo più venduto nel Regno Unito. Con 1.210.000 copie vendute è il 48º singolo di maggior successo di sempre nella storia del Regno Unito. Premiata come miglior canzone degli ultimi 25 anni, è stata interpretata da numerosi artisti e cantata dallo stesso Robbie Williams anchein spagnolo. Da poco ha perso la vetta come canzone più richiesta nel Regno Unito per le cerimonie funebri. Love my life Dall’album “The Heavy Entertainment Show” Robbie Williams pubblica il singolo “Love My Life”, un brano che ha venduto oltre 25 mila copie in Italia. La canzone è tra le più apprezzate della carriera discografica dell’artista britannico nonostante non abbia avuto un impatto immediato nelle classifiche europee. Un inno alla vita come lo stesso Williams ha raccontato: “Il brano parla di positività e di speranza e di come bisogna sfruttare al meglio la propria vita”. Better man Dal fortunato album “Sing When You’re Winning” ha pubblicato come ultimo singolo il brano “Better Man”, registrato anche in lingua spagnola. È stata pubblicata solo in Australia, Nuova Zelanda e America Latina ottenendo un grande successo. Come undone Con “Come Undone” Robbie Williams conferma il suo talento e desta scalpore con un video bandito in diversi paesi a causa del suo contenuto. Il brano è stato scritto da Robbie Williams, Ashley Hamilton (figlio di George Hamilton), Boots Ottestad e D. Pierre ed è un singolo estratto da “Escapology”. Let Me Entertain You Pubblicato come quinto estratto del fortunatissimo “Life thru a Lens”, “Let Me Entertain You” è stato inserito nella colonna sonora di un famoso videogioco di calcio. Il brano nasce grazie alla visione del film “Rock and Roll Circus” dei Rolling Stones. Robbie Williams e Guy Chambers decisero di puntare ad un brano rock: «Quando iniziammo a buttare giù il demo era già presente in esso un furioso "ritmo jungle". Era così pesante che mi esaltò molto, e mi eccito ancora adesso se lo ascolto» Supreme Nel 2000 Robbie Williams conquista tutti con “Supreme”, brano che usa la base musicale di “I Will Survive” di Gloria Gaynor. Grande successo nel Regno Unito e in Francia dove supera abbondantemente le 200 mila copie, è il terzo singolo estratto dall'album “Sing When You're Winning”. Sexed Up Quarto e ultimo singolo estratto da “Escapology” del 2002, in realtà “Sexed Up” risale addirittura al 1998 quando venne pubblicato come lato B del singolo “No Regrets”. Un brano riproposto da Robbie Williams quattro anni dopo e che originariamente doveva essere registrata da Natalie Imbruglia. La cantante però decise di rifiutarla. Si tratta dell’ennesimo brano entrato nella top ten del Regno Unito. La canzone ebbe un enorme successo in Brasile ed è restato in cima alle classifiche per tre settimane. No Regrets Per raccontare l’addio ai Take That, il tempo trascorso nella boy band e le relazioni passate, Robbie Williams scrisse “No Regrets”, rilasciata nel 1998 come secondo singolo di “I’m Been Expecting You”. La canzone è stata scritta da Robbie Williams e Guy Chambers e annovera come voci di supporto quelle di Neil Tennant dei Pet Shop Boys e Neil Hannon dei The Divine Comedy. Il brano è stato spesso dedicato agli altri membti dei Take That ma quando è stato il momento di riconciliarsi ha sostituito la frase "Immagino che l'amore che una volta abbiamo avuto sia ufficialmente morto" con "Immagino che l'amore che abbiamo avuto una volta sia ufficialmente vivo!". She’s the One Canzone dei World Party e scritta da Karl Wallinger, “She’s the One” è una cover e quarto singolo estratto dall'album “I've Been Expecting You”. Il brano è diventato il secondo numero uno in Inghilterra e nello stesso singolo era presente anche il brano “It's Only Us”, realizzato per il videogioco FIFA 2000. Ha venduto oltre 400 mila copie nel Regno Unito e conquistato il premio di “Singolo dell’anno” ai Brit Award 1999.
La giovane Emilia ha una vita normale. Il suo tempo, come tutte le bambine della sua età, lo divide tra la scuola e le case dei genitori separati. Super palla di pelo ti aspetta su Sky Cinema Family, giovedì 21 novembre alle 21.00. Emilia va a scuola e vive con la madre e a volte con suo padre. Qualcosa accade quando un giorno, il suo porcellino d'India le morde un dito. Dopo il morso del suo porcellino d’India, Emilia acquisisce la segreta abilità di trasformarsi in una supereroina palla di pelo in grado di volare e di risolvere ogni tipo di problema con i suoi superpoteri. Contemporaneamente, le aringhe della vicina baia del mar Baltico invocano aiuto. L'acqua del mare avvelenata le ha rese furiose, minacciando la pace e la tranquillità dell'intera città. Emilia, da supereroina qual è, si assume la responsabilità di risolvere la situazione e di diventare molto di più di una supereroina, una persona molto coraggiosa. Joona Tena è regista e sceneggiatore. Ha lavorato sia per il cinema che per la televisione, scrivendo e dirigendo drammi, thriller e commedie. Le sue ultime opere per la tv sono Roba (2012-2015) e Nurses (2014). Prima di Super palla di pelo (Super Furball) ha firmato due film: Body of water (2011) e Fc Venus (2005). Le sue sceneggiatore più recenti sono la coproduzione internazionale Arctic circle e il film 95, realizzato per il centesimo anniversario nazionale.
Dopo la polemica con Tiziano Ferro, Fedez si veste da donna - Look da Vip  Look da vipTiziano Ferro contro Fedez: "Ho subito bullismo antigay". E sui social scoppia la polemica  La RepubblicaFedez: “Tiziano Ferro non mi ha risposto, perdona solo i testi omofobi di Fabri Fibra”  Music Fanpage"Il pop è più forte della politica. E a Fedez dico basta battutine..."  ilGiornale.itTiziano Ferro: "Ho subito bullismo antigay anche da colleghi". Fedez: "Mi spiace per quella canzone"  La RepubblicaVisualizza copertura completa su Google News
Conte irrompe in diretta e sfida Fiorello  Yahoo NotizieMollica sul pupazzo di Viva RaiPlay: “La voce è mia, le battute sono di quel genio di Fiorello”  Tv FanpageVivaAsiago10! del 20/11/2019  RaiViva Raiplay, Fiorello/ Anticipazioni 20 novembre: la Hunziker conduce.. in tedesco!  Il Sussidiario.netGiuseppe Conte a Fiorello: “So che fai la mia imitazione. E’ molto grave, questa è una minaccia,…  Il Fatto QuotidianoVisualizza copertura completa su Google News
La popolarità è arrivata con la tv (era il Commissario Scialoja in 'Romanzo criminale'), prima c'era stato il teatro con Ronconi, oggi a 41 anni debutta dietro la macchina da presa con 'A Tor Bella Monaca non piove mai'. Nel film non c'è la moglie, Laura Chiatti, "ma faremo...
Vige l’assoluta riservatezza ma Vasco Rossi ha nuovamente infiammato il web e scatenato la fantasia dei suoi fan. Sono bastate tre stories su Instagram per accendere l’entusiasmo e sognare un nuovo singolo o addirittura un nuovo album. Dopo la pubblicazione di “Se ti potessi dire”, il rocker di Zocca sembrava totalmente concentrato sulla preparazione del nuovo tour, ma eccolo nuovamente negli studi di registrazione. Sui social appare agli Speakeasy Studios di Los Angeles in cerca di ispirazioni musicali. Vasco Rossi riprende lo studio di registrazione con tutte le sue strumentazioni. Si trova negli Stati Uniti in compagnia di Marco Sonzini e Saverio Principini, suoi fedeli compagni di viaggio e che compaiono nelle stories. Come didascalia ecco il messaggio che fa sospettare l’arrivo di nuova musica: "In studio sempre alla ricerca di nuove idee musicali".  Il film e l'album dal vivo Ovviamente le indiscrezioni si accavallano ma per ora non c’è nulla di ufficiale. Nel frattempo i fan possono avere un assaggio di quello che accadrà quest’estate grazie al film “NonStop Live 018-019”. Il 25, 26 e 27 novembre la pellicola sarà proiettata al cinema e racconterà gli ultimi due tour del cantautore. Diretto da Pepsy Romanoff, che affianca Vasco Rossi da anni anche nella regia dei suoi video musicali, il film parte dalle prove dello scorso anno al Rockisland di Rimini e arriva fino ai live di quest'anno allo Stadio San Siro di Milano e alla Fiera di Cagliari. Ovviamente c’è ampio spazio per i sei concerti sold out tenuti allo Stadio San Siro, record assoluto per un artista. Ad inizio dicembre, precisamente il 6, uscirà poi l’album live “Vasco NonStop Live” in vinile, standard e box superdeluxe con cd, dvd, libretto, il film e 45 giri con gli ultimi singoli. La tracklist ripete le scalette dei sei concerti a San Siro. Vasco Rossi in tour nel 2020: date e biglietti Tanta musica in attesa dei quattro concerti in programma per l’estate 2020. Pochi giorni fa Vasco Rossi ha ufficializzato le date dei 4 festival rock dove sarà assoluto protagonista. Il cantautore si esibirà al Circo Massimo e ad Imola, a quindici anni di distanza dall’ultimo concerto all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari. Il tour inizierà il 10 giugno 2020 con la data del Firenze Rocks 2020, sarà infatti lui ad aprire il festival che tra i protagonisti anche Green Day e Red Hot Chili Peppers. Cinque giorni dopo, il 15 giugno, Vasco Rossi si esibirà nell’area Expo per l’iDays Festival. Il 19 giugno il concerto al Circo Massimo per il Rock in Roma Festival. Chiuderà il tour la data di Imola in programma il 26 giugno all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari. Questo il calendario completo: 10 giugno – Firenze Rocks (Arena Visarno - Firenze) 15 giugno – iDays Festival (Area Expo – Milano) 19 giugno – Rock in Roma Festival (Circo Massimo – Roma) 26 giugno – Vasco NonStopLive Festival (Autodromo Enzo e Dino Ferrari - Imola) I biglietti sono in vendita già il 18 novembre in anteprima per gli iscritti al fan club "Il Blasco", dal 21 novembre alle ore 10 su Vivaticket.it, Ticketmaster.it, Ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati. Pre-vendita per gli iscritti al fan club a partire dalle 12 di lunedì 18 novembre su Vivaticket. Dalle 10 di martedì 19 novembre c’è stata invece la prevendita per i titolari di carte Intesa Sanpaolo.
Charlotte presa di mira in tv, Kate Middleton furiosa  TGCOMKate Middleton furiosa, sua figlia Charlotte presa di mira  DiLeiKate Middleton: William mette la medaglia alla loro cameriera italiana  AmicaUna vita di regole e obblighi per Kate Middleton e Meghan Markle  ilGiornale.itWilliam e Kate premiano la cameriera italiana Antonella Fresolone  L'HuffPostVisualizza copertura completa su Google News