Sardegna meta preferita come posto più sicuro e tranquillo per le vacanze

  • Scritto da Anna Maria Cantarella

Secondo l’Osservatorio Jfc l’isola è prima nel ranking dei luoghi che ispirano più fiducia ai viaggiatori provenienti dalla penisola.

Dopo il lockdown anche il modo di percepire le vacanze è cambiato. Gli italiani puntano alla sicurezza sanitaria dei luoghi e alla tranquillità della destinazione di vacanze. Se prima, al momento della scelta della meta per le vacanze estive, si prediligevano destinazioni trendy e affollate, low cost oppure con servizi all’avanguardia, oggi gli italiani puntano a tutt’altro. Secondo le indagini dell’Osservatorio Jfc, che come di ogni anno ascolta gli italiani e le loro preferenze nello scegliere un'area balneare, quest'anno ha deciso di definire solo due ranking delle aree balneari: le aree regionali che vengono considerate destinazioni vacanziere “rilassanti e tranquille” e quelle considerate “sicure dal punto di vista sanitario”.

LEGGI ANCHE| Cambia il piano paesaggistico, rischio cemento sulle coste sarde

Dalle indagini è emerso che la regione percepita come più rilassante, tranquilla ma anche sicura è appunto la Sardegna con un punteggio pari a 2.302 punti, seguita dalla Puglia con 1.987 punti e dalla Sicilia con 1.878 punti. Tra le destinazioni singole svetta Capri in testa alla classifica con un punteggio pari a 789 punti, seguita da Bibione con 678 punti e da Cesenatico con 672 punti. Anche per la sicurezza sanitaria la Sardegna si conferma come la regione percepita come in grado di garantire il più elevato livello di sicurezza con un punteggio pari a 1.560 punti, seguita dall'Emilia Romagna con 1.432 punti e dal Veneto con 1.406 punti. Tra le destinazioni indicate dagli italiani come quelle con più sicurezza sanitaria al primo posto troviamo Rimini con un punteggio pari a 1.109 punti, seguita da Riccione con 892 punti e da Bibione con 589 punti.

È un fatto che l’isola sia praticamente fuori dall’emergenza. Nelle ultime ore infatti non è stato registrato nessun caso autoctono di contagio. I tre contagi delle scorse ore erano relativi a un ragazzo rientrato dalla Spagna e ai suoi familiari. I pazienti ricoverati in ospedale sono in tutto 6, nessuno in terapia intensiva, mentre 13 sono le persone in isolamento domiciliare.