Dal governo taglio di 40 milioni per le periferie sarde

  • Scritto da Effe_Pi

L’accusa del Partito democratico all’esecutivo di aver eliminato con il Milleproroghe i fondi per le zone periferiche di Sassari, Nuoro, Tempio e Carbonia.

Dal governo taglio di 40 milioni di euro per i fondi destinati alle periferie delle città sarda. Lo afferma il Partito democratico, in particolare col senatore dell’isola Giuseppe Cucca, che accusa il 'Governo del cambiamento' di modificare “pesantemente le sorti delle periferie sarde”. Attraverso il decreto Milleproproghe sarebbero stati sottratti “40 milioni alle periferie della nostra isola, definanziando i progetti che avrebbero consentito sviluppo sociale ed economico nelle città di Sassari, Nuoro, Tempio Pausania e Carbonia".

LEGGI ANCHE | I 10 comuni più ricchi ei 10 più poveri della Sardegna

"Evidentemente – attacca Cucca - quando il vice premier, Matteo Salvini, ripeteva lo slogan 'prima gli italiani', sottendeva che i sardi sarebbero venuti molto dopo. Eppure dopo la ratifica definitiva del ritorno di un accordo tra Salvini e Berlusconi per un centrodestra unito alle prossime regionali, dovrebbe essere proprio il Carroccio, o probabilmente il suo alleato del Partito sardo d’azione, ad esprimere il candidato della rediviva coalizione per le elezioni nell’isola.

Foto: Pixabay | CC0 Public Domain