Lavoro: personal trainer i più cercati dai sardi sul web

  • Scritto da Effe_Pi

Sono gli allenatori personali i più gettonati nelle ricerche online dell’isola, successo anche per catering, traslocatori e insegnanti di canto.

I professionisti più ricercati in Sardegna nell'ultimo anno tramite il web sono i personal trainer, che raggiungono il 34% delle richieste effettuate tramite ProntoPro.it, marketplace che consente di trovare il professionista più adatto alle proprie esigenze attraverso un'offerta di oltre 430 tipi di servizi diversi. Dallo studio è emerso che interessi e necessità cambiano al variare della provincia di riferimento e se a Cagliari i servizi più richiesti sono quelli legati alla disinfestazione (12%), a Sassari al primo posto ci sono i professionisti che si occupano di catering e banqueting (13%). A Nuoro spiccano le ricerche per traslocatori (10%), mentre ad Oristano il 18% degli utenti cercano insegnanti di canto.

LEGGI ANCHE: IN Lavoro | Offerte di lavoro in Sardegna

Se a livello macro-regionale i personal trainer conquistano il primo posto, a Cagliari li troviamo al secondo posto con una percentuale pari al 9% delle ricerche che fanno seguito a quelle per disinfestazione (al 12%). Sempre a Cagliari al terzo e quarto posto pari merito per gli insegnanti di inglese e i personal chef con l'8% delle ricerche: Infine quinto posto esperti in ristrutturazioni (il 7%). A Nuoro in testa traslochi col 10%, poi i lavori in casa: piastrellisti e installatori di antenne e parabole (7%), idraulici (6%) e al quinto posto i personal trainer (4%).

Per gli oristanesi il 18% delle ricerche è rivolta a insegnanti di canto. Al secondo posto le ripetizioni per lo studio della meccanica (12%) e al terzo e quarto si trovano traslocatori (9%) e certificatori energetici (6%). Anche ad Oristano, come a Nuoro, al quinto posto i personal trainer col 5%. A Sassari catering e banqueting (13%), traslocatori (8%), poi insegnanti di inglese e di canto col 7% delle ricerche, stessa percentuale per gli specialisti del vetro.

Foto | Katie Klimek su Flickr

Leggi anche