PA Sardegna: pagamenti alle imprese sempre più rapidi

  • Scritto da Alba

C’è ancora molto da lavorare ma le imprese che lavorano per le PA in Sardegna sono pagate sempre più velocemente. Per saldare una fattura, dice Confartigianato, ci vuole sempre meno tempo. Ecco qualche dettaglio sulla ricerca.

Le imprese che lavorano per le pubbliche amministrazioni sarde ora devono aspettare "soltanto" 65 giorni prima di essere pagate. Siamo in una fase di netto miglioramento ma l’ambizioso obiettivo dei 35 giorni di media è ancora lontano. In realtà la situazione dell’isola è molto variegata perché ci sono anche zona come quella di Olbia-Tempio, dove i pagamento avvengono entro un mese. Nella migliore delle ipotesi passano due mesi tra l’emissione della fattura e il saldo effettivo. Soltanto il 7,1% degli Enti Locali sfora i 60 giorni.

Nonostante queste buone notizie, la situazione in Italia è abbastanza variegata visto che si va dai 36 giorni della Provincia Autonoma di Bolzano ai 107 giorni delle PA molisane. La Sardegna si piazza al 14esimo posto in Italia. Confartigianato entra nei dettagli: “nonostante il 57,4% delle PA sarde paghi entro i termini di legge (30 gg per i comuni e 60 giorni per le amministrazioni sanitarie), il restante 42,6% salda i propri debiti ancora con un considerevole ritardo”. 

LEGGI ANCHE |  IN SARDEGNA CROLLA IL NUMERO DI APPALTI PUBBLICI

Il Presidente di Confartigianato Matzutzi spiega che si potrebbe usare il meccanismo della compensazione diretta e universale tra debiti e crediti per accorciare i tempi di pagamento. È necessario impegnarsi affinché ci sia la chiusura di tutte le partite di pagamento entro i 30 giorni – riprende Matzutzi - anzi, è necessario che i pagamenti avvengano con ancora più celerità rispetto a quanto imposto dai termini di legge. Abbiamo tanti esempi virtuosi di Comuni che saldano tutto anche entro 23 giorni: quindi si può fare”.

E voi, che tipo di soluzioni adottereste?

Foto | Francesco Pierantoni su Flickr