Molestie sul lavoro: le hanno subite il 51% delle sarde

  • Scritto da Effe_Pi

In calo rispetto agli anni scorsi le avances sessuali e i ricatti ma l’isola resta tra le regioni maggiormente “a rischio”: fanno peggio solo Lazio, Toscana ed Emilia Romagna.

In Sardegna più della metà delle donne fra i 14 e i 65 anni ha subito molestie o ricatti sessuali sul lavoro nel corso della vita. La percentuale scende dal 51,5% al 18% se si considerano i casi degli ultimi tre anni, comunque superiore alla media nazionale del 15,7%.
L'isola è ai primi posti fra le regioni italiane in questa poco invidiabile graduatoria, preceduta solo dal Lazio, dove ha dichiarato di essere molestata sul lavoro il 55,9% delle donne, dalla Toscana (55,4%), e dall'Emilia Romagna (52,3%).

LEGGI ANCHE | Violenza sulle donne tra virtuale e reale

La media nazionale, secondo i dati diffusi dall'Istat nel rapporto "Le molestie e i ricatti sessuali sul lavoro" per gli anni 2015-2016, e del 44%: registrano percentuali inferiori le regioni centrali, come l'Umbria (39,6%), le Marche (36,5%) e l'Abruzzo (36,2%). Si stima che siano 8 milioni 816mila le donne italiane fra i 14 e i 65 anni che nel corso della vita hanno subito qualche forma di molestia sessuale, mentre sono 3 milioni 118mila quelle che (15,4%) che le hanno subite negli ultimi tre anni.

Considerando solo le tipologie di molestie sessuali rilevate anche nell'indagine del 2008-2009, il fenomeno risulta in sensibile diminuzione. La stima delle donne che hanno subito molestie sessuali nei tre anni precedenti alle indagini e passata da 3 milioni 778mila (18,7%) nel 2008-2009 a 2 milioni 578 mila (12,8%) nel 2015-16.
Per la prima volta sono rilevate le molestie a sfondo sessuale anche ai danni degli uomini: si stima che 3 milioni 754mila uomini le abbiano subite nel corso della loro vita (18,8%), 1 milione 274 mila negli ultimi tre anni (6,4%). Gli autori delle molestie a sfondo sessuale risultano in larga prevalenza uomini: lo sono per il 97% delle vittime donne e per l'85,4% delle vittime uomini.

Foto | John O'Nolan su Flickr