Longevità, il progetto sardo per invecchiare bene in casa propria

  • Scritto da Alba

La Sardegna da anni detiene il primato di regione più longeva d’Italia. Il nostro territorio sembra indicato a tutti coloro che vogliono scollinare i 100 anni restando in forma. Ma come? Riscoprendo gesti e attività quotidiane in casa propria. Il progetto.

Non bisogna spendere soldi in corsi costosi di pilates e posturale, per gli anziani è molto meglio riscoprire i gesti dei mestieri di una volta, abbinati alla lotta alla pigrizia in casa. Le attività motorie incluse in questo programma innovativo che ha coinvolto 50 anziani sardi, partono dai movimenti legati alla vita nei campi e alle faccende domestiche. Il messaggio è chiarissimo: per mettere in pratica uno stile di vita sano e attivo, si parte da casa propria. Un libro, scritto dal medico cagliaritano Roberto Pili con Ignazio Argiolas, docente del centro di Coverciano e con Mario Piria, segretario della Società scientifica italiana di Medicina Fisica Riablitativa per la Sardegna, illustra questo innovativo progetto. 

LEGGI ANCHE | Sardegna e Jeju, isole gemelle per cibo e longevità

 “Casa Campidanese, luogo elettivo per l'invecchiamento attivo in Sardegna” è il titolo del volume che vuole insegnare agli anziani l’estetica della vita attiva. Al centro dello studio c’è l’esperienza di 50 anziani che nella Casa Campidanese hanno vissuto per due anni imparando l’arte di vivere in sicurezza ma anche in maniera armoniosa con il proprio ambiente domestico. Tutte le attività fisiche portate avanti hanno simulato i gesti dei mestieri di una volta: dal pigiare l’uva al prendere una brocca d’acqua, dal pedalare al chinarsi per raccoglier gli ortaggi nei campi. Gli anziani sono inoltre stati stimolati a fare tutte quelle attività quotidiane che sembrano noiose, come lavarsi la tazzina del caffè o rifarsi il letto, al fine di sconfiggere una volta per tutte la pigrizia.

Secondo i curatori del volume, il progetto può essere adattato con qualche accorgimento anche alle più limitate abitazioni moderne. "La nostra esperienza - spiega il presidente della Comunità all’ANSA – ha dimostrato che 50 anziani, altrimenti votati al sedentarismo, già convinti di dover finire in un ospizio, diventano protagonisti della propria rinascita motoria in casa propria e senza dover stravolgere le proprie abitudini. E' l'invecchiamento in salute per tutti, sostenibile, a km0 e a costo zero. Una vera longevità democratica".

Fonte | ANSA
Foto | Pixabay

Leggi anche