Nell'ultimo mese

Marijuana legale: in Colorado via a distributori

  • Scritto da Effe_Pi

Colorado MarijuanaDistributori automatici come quelli per le sigarette nello stato degli Usa che è stato il primo a scegliere di legalizzare la cannabis.

L'Italia e la Sardegna hanno urgente bisogno di fondi, vivono una pesante crisi economica: in queste occasioni, servono decisioni coraggiose, anche se non piacciono a tutta l'opinione pubblica. In Italia si parla da tempo di legalizzazione della cannabis, mentre la Sardegna sarebbe il posto ideale per coltivarla, visto il suo clima e il tanto terreno disponibile: una misura, quella della liberalizzazione della Marijuana, che potrebbe portare 8 miliardi di euro l'anno nelle casse dello Stato (o della Regione), solo di tassazione sulla vendita. Come al solito, lo hanno capito meglio (e più in fretta di noi), gli americani, che in molti stati hanno già legalizzato il consumo delle droghe leggere, tanto che adesso nascono anche i primi distributori automatici di marijuana, proprio come quelli di sigarette che si vedono nelle nostre città, che rendono l'acquisto ancora più semplice e più anonimo. I creatori delle macchinette hi-tech dicono di aver creato una tecnologia per permettere alle persone di acquistare più velocemente la cannabis, ma allo stesso modo mantenerla fuori dalla portata dei minori.

I distributori, infatti, sono dotati di un sistema che richiede agli utenti di inserire un documento per verificare età e identità (proprio come succede con i nostri di sigarette), quindi una telecamera controlla la corrispondenza della persona che vuole comprare la marijuana con quella proprietaria del documento. La prima macchinetta verrà installata nel dispensario Herbal Elements a Eagle-Vail, in Colorado. Il Colorado è il primo stato dell'Unione ad aver dato il via alla vendita della cannabis a scopo ricreativo, all'inizio dell'anno, ma altri esempi di liberalizzazione fuori dagli Usa si hanno in Uruguay e in molti paesi europei, Olanda a parte, Repubblica Ceca, Spagna e Portogallo, ad esempio, sperimentano da tempo forme di legalizzazione parziale (o tolleranza) della vendita e consumo di cannabis. Tutti paesi che cercano di uscire dalla crisi o che hanno un'economia in difficoltà: esattamente come quella sarda.

Leggi anche