Sardegna, ecco il lockdown di Solinas

  • Scritto da Effe_Pi

L'annuncio di un blocco "stop and go" di 15 giorni, con porti e aeroporti chiusi e il comitato scientifico consiglia la chiusura totale come a marzo.

In Sardegna è record di contagi dall'inizio della pandemia e si va verso un nuovo lockdown, uno 'Stop and go' di 15 giorni che il presidente della Regione Christian Solinas dovrebbe annunciare con un'ordinanza ad horas. L'ultimo aggiornamento dell'Unità di crisi regionale parla di 243 nuovi positivi (163 rilevati attraverso attività di screening e 80 da sospetto diagnostico) che fanno salire a 6.886 il totale dei casi complessivamente accertati nell'Isola dall'inizio dell'emergenza.

LEGGI ANCHE | Beni culturali sardi sotto attacco anche durante il lockdown

Record anche di tamponi eseguiti: 3.378 in un giorno. Si registra anche un decesso (calcolato oggi ma confermato già ieri), un uomo di 78 anni residente nel Sud Sardegna. Le vittime sono in tutto 181. Salgono a 264 i pazienti ricoverati in ospedale, ai quali si aggiungono i 36 in terapia intensiva. Numeri mai visti in Sardegna nel 2020. Lo "Stop & Go" di 15 giorni per le principali attività, con contestuale chiusura di porti e aeroporti per limitare in modo rapido ed incisivo la circolazione delle persone e, con esse, del virus, dovrebbe essere adottato dal governatore Solinas entro 48 ore. 

E' quanto emerso da una riunione dei capigruppo, aperta all'opposizione, che si è tenuta ieri mattina in videoconferenza e alla quale ha preso parte anche Solinas. Il comitato tecnico scientifico regionale avrebbe consigliato un blocco totale sul genere di quello già sperimentato in primavera, in piena pandemia. Intanto a Decimoputzu è già scattato un mini lockdown da uno a tre giorni per i bambini e ragazzi da 0 a 14 anni. Lo ha deciso il sindaco Alessandro Scano che, dopo l'impennata di contagi, ha disposto l'immediata chiusura delle scuole pubbliche e private, di ogni ordine e grado e dei principali luoghi di incontro, di sport e di attività ludiche da oggi e sino a domani 23 ottobre.

Sino al 25 ottobre, invece, stop alle attività sportive e motorie nelle palestre, centri sportivi, ma anche alle attività dei centri culturali, sociali e ricreativi per ragazzi, pubblici e privati. Ad Abbiadori, in Costa Smeralda, la scuola primaria chiude per Covid. La chiusura è stata disposta in via precauzionale dal sindaco di Arzachena, Roberto Ragnedda, dopo che è stato riscontrato un caso positivo fra il personale e due classi dell'istituto sono state messe in quarantena.

Foto | Not So Dusty su Flickr