No al distanziamento su treni e autobus in Sardegna

  • Scritto da Effe_Pi

Eliminata la regola precauzionale anti contagio già dal 15 luglio con un’ordinanza del presidente della regione Solinas, nessun limite nemmeno su auto e taxi.

Le polemiche nazionali sul distanziamento su treni e altri mezzi pubblici, col governo che è dovuto intervenire per confermare la regola che si possono occupare massimo il 50%dei posti, sono già anacronistiche in Sardegna, dove già dal 15 luglio scorso, è consentita l'occupazione del 100% dei posti a sedere nei mezzi del trasporto pubblico locale.

LEGGI ANCHE | Treni decrepiti e tariffe più alte per i pendolari sardi

A prevederlo è un'ordinanza del presidente della Regione Christian Solinas, poi prorogata il 31 luglio. Quindi nessun distanziamento di sicurezza a bordo di autobus urbani ed extraurbani, sui treni e nelle metropolitane ma anche in auto e in taxi. Nella stessa ordinanza è ripristinata su tutto il territorio regionale la programmazione ordinaria dei servizi di linea e non di linea erogati dalle aziende di trasporto pubblico locale (Tpl) su gomma, ad esclusione di quelli scolastici.