Il Cagliari espugna Bergamo ed è zona champions

  • Scritto da Effe_Pi

Nono risultato utile di fila dei rossoblù che per il terzo anno consecutivo espugnano il campo dei forti bergamaschi e salgono al quarto posto a pari punti con la squadra di Gasperini, ora si sogna l'Europa.

Un Cagliari da favola espugna il campo dell'Atalanta dopo quelli di Parma e Napoli con un autogol di Pasalic e una rete in contropiede di Oliva e dopo undici giornate si issa a un clamoroso quarto posto. Grande entusiasmo in tutta la Sardegna e tra i tifosi rossoblù sparsi per il mondo. Le pagelle di IteNovas su una vittoria a suo modo storica, anche perché gli uomini di Maran battono a casa per il terzo anno consecutivo la fortissima Dea di Gasperini.

Olsen - 7 - Veramente una sicurezza, ogni tanto esita nelle uscite ma tra i pali si fa sempre trovare pronto, anche se oggi c'è bisogno "solo" di un paio di grandi interventi.

Cacciatore - 7 - Rimpiazza alla grande Faragò rispetto al quale è più difensore senza troppe proiezioni, anche se poi è proprio lui a propiziare in area atalantina il flipper da cui nasce l'autogol dell'1-0.

Lykogiannis - 7 - Altro rimpiazzo a questo punto di lusso, cancella il temibile Ilicic e lo fa espellere, per il resto non sarà un fulmine ma non si fa mai superare e in impostazione si fa preferire a molti altri difensori della Serie A.

Pisacane - 8 - Immenso. E' vero che non si trova davanti Zapata ma è un vero muro umano con alcuni interventi e scatti di incredibile prestanza fisica ed esplosività.

Klavan - 7 - Sarà vecchio, sarà lento, ma sui colpi di testa è insuperabile e ha un senso della posizione mostruoso. D'altronde non giochi anni nel Liverpool se sei scarso.

Castro - 6,5 - Tecnicamente e tatticamente è favoloso, quando sarà al meglio fisicamente e un po' più rapido nell'esecuzione potrebbe essere un altro capace di fare la differenza in ogni partita.

Oliva - 8 - I tifosi lo hanno invocato per mesi, Maran li ha accontentati mettendolo titolare a Napoli e Bergamo, le due trasferte più toste finora. Sono arrivate due vittorie e oggi anche il gol a coronamento di una gara perfetta.

Rog - 7 - Altro imprescindibile, anche se poi la storia sta dimostrando che nessuno è insostituibile, si mangia un gol, si fa ammonire ma è comunque ai limiti della perfezione.

Nainggolan - 7,5 - Ormai ha preso quota ed è diventato l'anima della squadra. Recupera palloni, smista, ringhia, tira, fa gli assist. Di tutto di più, è tornato il Ninja quello vero. 

Simeone - 6,5 - E' vero che segna relativamente poco, ma è un attaccante al servizio della squadra che per 90 minuti corre, pressa, si sbatte, scatta e fa sponda. E oggi fa segnare Oliva.

Joao Pedro - 6,5 - Partita di mostruosa intelligenza, tra finte, veli e inserimenti fa impazzire i bergamaschi che non lo trovano mai, anche lui come il compagno di reparto si dimostra pronto al sacrificio eppure pericolosissimo sotto porta.

Nandez - 6,5 - Non è il protagonista di oggi ma quando entra si vede subito perché sia così fondamentale. 

Ionita - Sv - Tanta sostanza per un finale finalmente (quasi) tranquillo.

Cerri - Sv - Pochi minuti per dare una mano, trova anche un paio di buone sponde di testa ma i compagni non le sfruttano.