Verso Sassuolo – Cagliari: i 5 fatti rossoblù

  • Scritto da Effe_Pi

Terzo scontro salvezza consecutivo per i rossoblù che cercano conferme in Emilia dopo il pareggio con il Crotone e la vittoria sulla Spal, in una partita che potrebbe allontanarli una volta per tutte dalla zona calda.

Il Cagliari prova a chiudere una volta per tutte (o quasi) la questione salvezza nella trasferta di domenica a Reggio Emilia contro il Sassuolo, indietro di due punti in classifica e reduce dalla tremenda goleada subita con la Juve domenica scorsa (addirittura 0-7). Certo, gli emiliani saranno assetati di punti e riscatto dopo il disastro di Torino e con una classifica che ora fa paura, ma per la squadra di Lopez sarebbe un vero peccato non provare almeno a sfruttare questo “match point” per allontanare di cinque punti in classifica i neroverdi e probabilmente prendere terreno su molte altre concorrenti dirette in maniera che potrebbe anche essere decisiva; per i rossoblù peraltro potrebbe andare bene anche un pareggio, che manterrebbe molte distanze invariate con uno scontro diretto in trasferta in meno.
Ma ecco le cinque cose che ogni buon tifoso rossoblù deve sapere nell’approcciare questo delicato match, in programma domenica alle 12.30:

1)      I precedenti parlano chiaro: in campionato il Cagliari non ha mai vinto sul campo del Sassuolo, dove comunque si è giocato solo 3 volte, tutte negli ultimi anni, mentre ha vinto l’unico incontro di Coppa Italia giocato sul campo degli emiliani. Quest’ultimo si è disputato nella stagione 2015/16 ed è stato vinto dai sardi per 1-0 con un gol di Sau, proprio l’autore del secondo gol di domenica scorsa contro la Spal, al rientro dall’ennesimo infortunio. In Serie A, invece, due pareggi, entrambi per 1-1 e la clamorosa goleada dell’anno scorso, quando la squadra di Rastelli venne sconfitta con un tennistico 2-6.

LEGGI ANCHE | Verso Cagliari – Spal: i 5 fatti rossoblù

2)      A livello di formazione, anche stavolta come e più della scorsa settimana, Lopez avrà l’imbarazzo della scelta, avendo praticamente tutti i giocatori a disposizione. È infatti rientrato dopo un turno di squalifica Pisacane, mentre anche Miangue, che nelle scorse settimane aveva avuto qualche problema, è rientrato definitivamente in gruppo.
Da questo punto di vista, situazione ottimale anche per Iachini, che avrà diverse opzioni, a centrocampo probabile una linea con l’ex Missiroli, Magnanelli e Duncan, mentre in avanti dovrebbe essere titolare il neo acquisto Babacar, che già con la Fiorentina quest’anno ha giocato un brutto scherzo ai rossoblù (gol decisivo alla Sardegna Arena).

3)      Continuano invece i problemi della società cagliaritana tra arbitri e giudici sportivi, visto che la Corte sportiva d'appello nazionale della Figc in settimana ha ritenuto "inammissibile" il ricorso del presidente del Cagliari Tommaso Giulini "avverso la sanzione dell'ammenda di 10.000 euro con diffida inflittagli a seguito della gara Cagliari-Juventus".

4)      Se il Cagliari ha un bilancio variabile con i lunch match delle 12.30, sembra invece lasciar ben sperare quello del Sassuolo, che è particolarmente negativo. In casa, infatti, i neroverdi hanno ottenuto 2 successi, a fronte di 6 gare perse e 2 pareggi. I problemi si potevano intuire già dalla traumatica prima esperienza, quando nel campionato di esordio in A al Mapei Stadium gli emiliani vennero sconfitti con un clamoroso 0-7 dall’Inter. Esattamente lo stesso risultato subito domenica scorsa dalla Juve, che in quel caso fu seguito da un buon pareggio per 1-1 sul campo del Napoli.

5)      I nostri due cents per la formazione del Cagliari: se fossimo Lopez domenica ci schiereremmo così: Cragno, Romagna, Ceppitelli, Castan, Faragò, Cigarini, Barella, Padoin, Joao Pedro, Sau, Pavoletti.