Allarme strade sarde, oltre 100 morti in un anno

  • Scritto da Alba

Una ricerca sulla sicurezza stradale e le statistiche di Facile.it dimostrano che la situazione italiana è gravissima e la Sardegna non fa eccezione in questo desolato panorama. La prima domanda da porsi è la seguente: quanti sono i sardi che hanno 0 punti sulla patente?

A questa domanda ha risposto con dovizia di particolare un sondaggio di Facile.it, il portale che si occupa, tra le tante cose, di polizze auto. Facile.it e il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti fanno notare che in Sardegna gli automobilisti con 0 punti sulla patente sono più di 400. I più indisciplinati al volante sono gli abitanti della provincia di Cagliari dove risiedono circa 150 patentati a 0 punti. Poi ci sono Nuoro, Sassari, Olbia e Tempo, infine Oristano. L’aumento degli incidenti – che poi determinano la riduzione dei punti della patente – fa aumentare anche il costo delle assicurazioni. Le polizze auto in Sardegna, infatti, sono cresciute più del 10%.

Il bilancio del 2017 deve essere ancora tracciato ma per quanto riguarda l’anno scorso, sull’isola, sono stati registrati 3508 incidenti stradali che hanno portato alla morte di 106 persone e al ferimento di altre 5192. Incidenti, morti e feriti, in relazione al 2015, sono diminuiti ma l’allarme per la sicurezza stradale è ancora altissimo, soprattutto nel periodo estivo. Sembra infatti che in estate si concentri il maggior numero di incidenti. Quanto alle fasce orarie, risulta pericolosissimo l’intervallo tra le 4 e le 5 del mattino, soprattutto il venerdì e il sabato.

LEGGI ANCHE | Caccia: investe un coniglio, scende ed è travolto

L’agenzia stampa DIRE ha effettuato uno zoom sulle statistiche individuando le zone più pericolose della Regione: “Gli indici di mortalità e gravità crescono nelle province di Nuoro (8,0 e 5,4) e Sassari (2,5 e 1,7), rimangono costanti nella provincia di Cagliari e diminuiscono in tutte le altre province. La pericolosità rimane alta lungo le strade statali 129 (Nuoro-Macomer), 389 (Buddusò-Mamoiada), 195 (Teulada-Domus De Maria), 196 (Villacidro) e alcuni tratti della 131.”

Foto | Pixabay

Leggi anche