Nell'ultimo mese

L’allenatore accusato di pedofilia e violenza su minori si è tolto la vita in carcere ad Alessandria

  • Scritto da Effe_E

Era stato riconosciuto da una vittima dopo 29 anni: nel bilocale del mister i carabinieri hanno sequestrato centinaia di videocassette con i filmati dei suoi incontri hard.

da La Stampa | di Miriam Massone

Ha deciso di farla finita: l’allenatore alessandrino delle giovanili, Antonio Marci, 63 anni, conosciuto da tutti come «Tonino», si è suicidato nel carcere Don Soria di Alessandria dove era rinchiuso da martedì sera con l’accusa di possesso di ingente materiale pedo-pornografico e violenze sui minori. Si sarebbe tolto la vita con una busta di plastica, nella sua cella questa sera. 

Nel suo bilocale del rione Cristo, alla periferia di Alessandria, i carabinieri avevano sequestrato centinaia di videocassette con i filmati dei rapporti completi che aveva con i baby calciatori, e poi diari, schede con i volti e le caratteristiche dei ragazzini, fotografie, mutandine e costumini.

Secondo una prima ricostruzione gli abusi andavano avanti da oltre 30 anni. È stato infatti una vittima a riconoscere, per caso in un bar, l’ex mister che 29 anni fa lo aveva avvicinato sotto la doccia dopo gli allenamenti e aveva abusato di lui. Da questa preziosa testimonianza è partita l’indagine che ha portato all’arresto.


da La Stampa del 12.01/2017 | di Miriam Massone

Arrestato un allenatore delle giovanili che per 30 anni ha abusato dei piccoli calciatori
Arrestato un uomo di 63 anni, i carabinieri lo accusano di pedo-pornografia e violenza su minori: nella sua abitazione sequestrate centinaia di cassette con i filmati dei rapporti sessuali, poi fotografie, diari, lettere

Per 29 anni ha «sedotto» i ragazzini conosciuti sul campo da calcio: prima la doccia assieme, durante la quale li invitava a toccarsi le parti intime, poi gli inviti al cinema, i messaggini sul cellulare, infine il rapporto sessuale completo, che consumava con loro nella propria casa di Alessandria. È stato arrestato con l’accusa di pedo-pornografia (in flagrante) e violenza sessuale su minore, un allenatore di calcio giovanile, di 63 anni, Antonio (Tonino) Marci

È agghiacciante la ricostruzione dei carabinieri del Nucleo investigativo che l’hanno sorpreso l’altro pomeriggio nel proprio alloggio. Ad aprire è stato un ragazzino di 11 anni (vestito), mentre lui si è fatto trovare in bagno, addosso solo una t-shirt: centinaia le videocassette sequestrate, dove l’allenatore filmava i rapporti, migliaia di fotografie, diari, lettere, ragazzini schedati con foto e nomi. Ora il compito degli uomini del tenente colonnello Giuseppe Di Fonzo sarà quello di rintracciarli e provare a ricomporre il terribile quadro che ha portato all’arresto.

I carabinieri sono arrivati a lui grazie alla testimonianza di una vittima che, ormai adulto, l’ha riconosciuto in un bar di Alessandria.

Foto: Pixabay

Leggi anche