Nell'ultimo mese

Open Data: la Regione sarda lancia il portale

  • Scritto da Effe_Pi

Open Data SardegnaPer ora in versione sperimentale, è stato presentato ieri a Cagliari dall'assessore agli Affari generali e dovrà contenere tutti i dati della Pubblica amministrazione su piattaforma digitale.

E' rivolto a operatori pubblici, privati o commerciali il portale sperimentale http://opendata.regione.sardegna.it, che mette a disposizione le informazioni raccolte e gestite dalla Regione, illustrato ieri a Cagliari nella prima giornata del workshop conclusivo del progetto europeo "Homer". Acronimo di "Harmonising Open Data in the Mediterranean thorugh Better Access and Reuse for public Sector information”, il programma e' finanziato dall'Ue (attraverso Med 2007-2013) per rendere disponibili i dati della Pa su piattaforme digitali. 

"La Sardegna, in Italia, è innegabilmente la culla della democrazia e della cultura digitale", ha sottolineato l’assessore regionale agli Affari generali Gianmario Demuro. "Come pubblica amministrazione dobbiamo essere all'altezza di questa grande tradizione”. Il progetto Homer pone la Sardegna, nella prospettiva europea, “al centro del Mediterraneo, nella federazione degli Open Data", ha aggiunto l’assessore durante il workshop. La Regione è partner del programma, che ha come capofila il Piemonte, e a cui partecipano 19 fra enti e istituzioni euromediterranee di sette Paesi: oltre all'Italia (anche con Emilia-Romagna e Veneto), Spagna, Francia, Grecia, Malta, Cipro e Slovenia, oltre al Montenegro.

Con questo strumento "la vita dei cittadini cambia in modo sostanziale", ha osservato Demuro. "Gli utenti diventano attori protagonisti e, allo stesso tempo, possono giudicare con consapevolezza sia l'operato della Regione e delle amministrazioni in generale, sia avere informazioni dettagliate sulla propria storia o sulle condizioni ambientali e lo sviluppo economico o ancora sull'uso dei soldi pubblici”. Il primo modello di open data in Sardegna è stato sviluppato nel 2004, con "Sardegna digital Library", sotto l'amministrazione regionale guidata da Renato Soru. Sul portale sperimentale è già possibile segnalare "dataset" pubblicati da amministrazioni e enti pubblici regionali e applicazioni mobili che consentono di utilizzarli, trovare risposta alle domande più frequenti sui dati aperti, rispondere a un questionario sull'argomento, conoscere la normativa che disciplina la pubblicazione degli open data e consultare statistiche sulle informazioni presenti sul sito.

Leggi anche