Nell'ultimo mese

Deputato di destra su Baby squillo: pur sempre mignotte

  • Scritto da Effe_Pi

Baby squilloCorsaro di Fratelli d'Italia lo scrive su Twitter venendo duramente attaccato dagli utenti del social e dall'Ossevatorio per i minori.

La politica versione bar sport fa un'altra vittima: si tratta del deputato di Fratelli d'Italia, Massimo Corsaro, che scrivendo su Twitter (la politica da bar è sicuramente favorita dalla massiccia diffusion dei social network) decide di fare il "politicamente scorretto" e scrive, riguardo alla vicenda delle baby squillo dei Parioli, a Roma, "adesso però risparmiateci i racconti "sofferti" delle baby-squillo. Mignotte consapevoli e spontanee; giovanissime, ma sempre mignotte". Una presa di posizione che provoca dure reazioni sullo stesso twitter ma anche fuori, con un duro attacco dell'Osservatorio sui Diritti dei Minori, il cui vicepresidente, Antonino Napoli, afferma che "Non può, un parlamentare, spingersi fino al punto in cui si e' spinto Massimo Corsaro''. Il compito principale di un legislatore - precisa Napoli - "è quello di creare meccanismi preventivi efficaci e in grado di scongiurare la commissione dei delitti, non marchiare ragazzine pur sempre vittime di una società adulta spregiudicata e  priva di freni inibitori''. Per l'esponente dell'Osservatorio: ''E' grave il silenzio istituzionale seguito alle dichiarazioni di Corsaro, e fra tutti è più grave quello di Giorgia Meloni, segretaria del partito in cui  milita il deputato, che avrebbe dovuto più di chiunque far sentire la propria indignazione".



 

 

 

 

La Meloni infatti, spesso paladina delle donne in politica e sempre pronta a qualsiasi comparsata televisiva per mostrare la sua "diversità" rispetto alla destra che ha governato il paese per buona parte degli ultimi vent'anni, imponendo politiche prone ai diktat europei che oggi l'ex ministro della Gioventù vorrebbe rinnegare, in questo caso si è fatta notare per il silenzio, pensando forse che era meglio tacere visto che lo scandalo della prostituzione minorile nella capitale ha già investito in pieno il mondo dell'estrema destra, dal momento che uno dei venti indagati è Mauro Florani, marito della nipote del duce Alessandra Mussolini. Una vicenda che peraltro potrebbe riservare ulteriori brutte sorprese alla Roma "bene" in buona parte tradizionalmente a destra nelle prossime ore, come anche quella del traffico di cocaina portato avanti dalla "Dama bianca" Federica Gagliardi, amica di Silvio Berlusconi arrestata a Fiumicino con 24 chilogrammi di cocaina.

Peraltro, Corsaro, che sul suo profilo Twitter ricorda di essere "Deputato di FRATELLI d'ITALIA (tutto maiuscolo Ndr) - Alleanza Nazionale. Juventino sfegatato, amante del buon vino, avversario del politicamente corretto, Commercialista", non sembra affatto pentito di quello che ha scritto, visto che a chi lo attacca sul social risponde frasi come "basta evitare retorica delle ragazzine inconsapevoli,perché è una stucchevole menzogna.Poi condivido il disprezzo per chi ci va" oppure "anime belle, la vostra indignazione a comando è meravigliosa. Grazie di esistere" concludendo con un significativo "se racconti verità non omologate, la risposta è l'insulto. Poi ti incontrano da soli, fuori dal branco anonimo, e tacciono!".

Leggi anche