Ecco la panchina intelligente per la sicurezza in città

  • Scritto da Effe_Pi

È un’invenzione presentata nei giorni scorsi al Sinnova di Cagliari, utilizza il wi-fi e può avere telecamera e sistema audio per la sorveglianza.

Arriva dalla Sardegna la panchina che può migliorare la sicurezza nelle città: si chiama Smart Bench, e nei giorni scorsi ha accolto i visitatori a Sinnova, il quinto salone dell'Innovazione in Sardegna. L’idea è della startup di donne Green Social Bench, e l’innovativa panchina può connettersi all'utente tramite wi-fi e fornire informazioni istituzionali, turistiche e pubblicitarie. Se installata nelle vie della città, la panchina intelligente potrà fornire anche strumenti di controllo della sicurezza tramite una telecamera per la videosorveglianza, un sistema audio integrato e un dispositivo per le chiamate d'emergenza. Chi vi si siederà potrà anche connettere e ricaricare i propri dispositivi mobili tramite porta Usb.

LEGGI ANCHE | Huawei sceglie la Sardegna

"Stiamo sperimentando l'uso di tecnologie cloud, reti di sensori per rilevazioni ambientali e per la sicurezza cittadina, analisi energetiche e mobilita, implementando la raccolta e l'utilizzo dei dati e migliorando i servizi digitali", ha spiegato l'assessora comunale dell'Innovazione tecnologica, Comunicazione e Politiche per il decoro urbano, Claudia Medda, durante la tavola rotonda "Smart & Safe City" inserita nel programma di Sinnova. Con la collaborazione col centro di ricerca Crs4 e della Regione, l'amministrazione comunale punta a rendere Cagliari una citta "semplice, inclusiva, sostenibile e resiliente", ha detto Medda, ricordando che l'accordo fra i tre enti "prevede la realizzazione di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione", per i quali il Comune mette a disposizione "le infrastrutture necessarie", contribuendo "a indirizzare la ricerca e lo sviluppo verso le esigenze di cittadini, istituzioni e imprese locali, con particolare riferimento a progetti pilota da portare in produzione su scala metropolitana".

Foto | renee. su Flickr

Leggi anche