Caritas italiana e austriaca insieme per un progetto sui profughi

  • Scritto da Effe_Pi

Si chiama Pier e Cagliari sarà la principale sede nazionale, oggi la presentazione con l’arcivescovo Arrigo Miglio e la Prefetta Costantino.

Dopo le polemiche dei giorni scorsi tra i governi dei due paesi, proprio sull’accoglienza ai profughi, la Caritas italiana e austriaca, con l'associazione greca Arsis, si sono messe assieme per dar vita a "Pier", progetto che ha l'obiettivo di rafforzare le attività di integrazione e accoglienza già messe in campo nei rispettivi Paesi. In Italia "Pier" parte da Cagliari, dove è stato presentato stamattina dal direttore della Caritas diocesana don Marco Lai, con l'arcivescovo Arrigo Miglio, la prefetta Tiziana Giovanna Costantino, Angela Quaquero in qualità di rappresentante della Giunta regionale sul tema dei migranti. Il progetto sarà operativo a Cagliari e in altre dieci diocesi italiane (Aversa, Benevento, Capua, Conversano, Firenze, Genova, Saluzzo, Pescara, Ragusa, Palermo) con lo scopo di incrementare corsi di lingua italiana, azioni di supporto psico-sociale ed inserimenti lavorativi a beneficio dei rifugiati e anche distribuire migliaia di Kit Warm Up alle navi che svolgono attività di ricerca e soccorso in mare e alle Caritas che operano nei porti di sbarco.

LEGGI ANCHE | Fotogallery - Ecco il campo sperimentale per migranti nel Nord Sardegna

"Con quest'iniziativa vogliamo dire no al pietismo superficiale e all'assistenzialismo fine a se stesso - ha detto monsignor Miglio - è una grande occasione per Cagliari per riscoprirsi città solidale nel rispetto della legalità". La prefetta, ricordando che "accoglienza deve essere anche integrazione", ha ringraziato la Caritas perché "lo Stato non può fare tutto da solo, per fortuna noi abbiamo il grande aiuto delle associazioni di volontariato, del Comune e della Regione. Quaquero ha spiegato che la Sardegna "riesce a progettare in modo articolato l'accoglienza con 70 comuni che hanno attivato progetti Sprar, ma non dimentichiamo la questione sicurezza e il fatto che l'Isola è terra di sbarchi diretti da parte di algerini". Manuela De Marco di Caritas Italia ha definito il progetto "l'ennesima sfida per noi che siamo abituati a far lavorare assieme in questo campo il profit e il no profit", e ha sottolineato che "più integrazione significa più sicurezza".

Foto | Paolo Ardu

Leggi anche