Nell'ultimo mese

GEOPARCHI SEMPRE PIU' TUTELATI

  • Scritto da Effe_Pi

MontevecchioL'Unesco verso un programma ufficiale che includerà anche il parco di Montevecchio.

Il Parco Geominerario di Montevecchio potrebbe diventare entro la fine dell'anno un sito protetto dall'Unesco, se l'organizzazione delle Nazioni Unite porterà avanti il progetto di "riconoscere per i geoparchi un programma ufficiale sul modello della lista dei Siti Patrimonio dell'Umanità e del circuito del programma Man and the Biosphere dedicato alle riserve". Lo ha detto oggi Maurizio Burlando, coordinatore del Forum Nazionale dei Geoparchi Italiani e direttore di quello del Beigua, in Liguria, aggiungendo che "per essere riconosciuto dall'Unesco, al patrimonio geologico un geoparco deve aggiungere anche una vera e propria strategia di sviluppo sostenibile''.

Oggi nel mondo si contano 92 geoparchi, e l'Italia è al primo posto in Europa con ben otto siti: tra questi, quello di Montevecchio, che unisce alle opere di archeologia industriale dell'uomo i luoghi in cui la grandiosità della natura cattura il visitatore: le splendide falesie, i faraglioni calcarei a picco sul mare, infinite distese di sabbia color oro, le “magiche” cavità carsiche, le selvagge foreste popolate da una grande varietà di specie animali con la cornice azzurra del mare di Sardegna.

Spesso già riconosciuti come aree protette, i geoparchi italiani vanno dal Trentino (Parco naturale Adamello Brenta ) alla Liguria (Parco naturale regionale del Beigua ) alla Sicilia (Distretto Rocca di Cerere e Parco naturale regionale delle Madonie ), passando per la Toscana (Parco delle Colline Metallifere grossetane e Parco regionale Alpi Apuane ) e la Campania (Parco nazionale Cilento e Vallo di Diano). Saranno protagonisti dell'Egn Conference, la conferenza internazionale dei Geoparchi, in programma nel Parco Nazionale del Cilento dal 3 al 7 settembre con 259 delegazioni straniere e 75 italiane, in rappresentanza di 40 Paesi. 

 

Leggi anche