Colline in vendita per eolico: Villanovaforru si ribella

Dura presa di posizione del sindaco del Sud Sardegna contro il progetto, promessa battaglia per bloccare l'operazione.

Trenta ettari delle colline di Villanovaforru, comune nel Sud Sardegna, in vendita per realizzare pale eoliche. Lo denuncia il sindaco Maurizio Onnis, che ora promette battaglia per bloccare l'operazione. "Ieri ho scoperto, estorcendolo dalla bocca dei diretti interessati, che è in corso la vendita di 30 ettari delle colline di Villanovaforru ai costruttori di pale eoliche- scrive il sindaco-. È stato come prendere un ceffone in piena faccia. È terribile che, mentre il paese apre la comunità energetica e si pone all'avanguardia in Sardegna per l'autoconsumo, ci sia ancora qualcuno che abbocca all'amo degli speculatori. È terribile che uno, da solo, si arroghi il diritto di impegnare tutta la comunità".    

Chi vende quella terra, attacca il primo cittadino, "vende l'intera Villanovaforru, con ogni suo abitante. Ipotecando per almeno vent'anni il territorio del paese, deturpandone l'ambiente, gravandolo di vincoli che vanno a vantaggio solo dei compratori profittatori. È terribile che la legge non dia a sindaco e consiglio comunale alcuna possibilità di impedire tutto ciò".

Eppure, fa sapere Onnis, "abbiamo intenzione di restituire il ceffone e di restituirlo molto più forte. Ho già sentito gli avvocati e faremo tutto quel che possiamo per ostacolare l'affare. Questo, infatti, è un avviso anche per gli acquirenti. Andatevene. Qui non siete graditi, Villanovaforru non ha alcuna intenzione di farsi vostra schiava".