Il Tar Sardegna boccia l'ordinanza di Solinas

Accolta la richiesta di sospensione del governo nazionale contro la decisione del governatore Solinas, limitazione della libertà di circolazione e scarso rischio di accessi massicci dall'esterno le ragioni del tribunale amministrativo.

Limita la libertà di circolazione, non c’è un’emergenza legata a un afflusso “anomalo” di persone da fuori come successo ad agosto, visto che la stagione turistica volge al termine, e al momento non ci sarebbe nessuna pressione eccessiva sul sistema sanitario regionale. Questi sono gli argomenti con cui il Tar della Sardegna ha accolto la richiesta di sospensione dell’Ordinanza emanata nei giorni scorsi dal governatore sardo Solinas sull’obbligo del test negativo per entrare nell’isola.

L’impugnazione dell’Ordinanza era arrivata dal governo nazionale, come accaduto anche con quella del Piemonte sull’obbligo della misurazione della temperatura per l’accesso ai locali scolastici. La bocciatura da parte del governo aveva provocato grandi polemiche, con l’accusa da Solinas di scelta “ideologica” da parte dell’esecutivo, che da parte sua col Minstro Boccia aveva definito “propagandistica” la decisione del governatore sardista allegato della Lega.