Pastori in moto: percorrere la Sardegna su due ruote


Sulla moto, non per sfrecciare ma per godersi le meraviglie dei paesaggi che si attraversano proprio come farebbe un turista. È questo lo spirito del primo raid mototuristico off-road organizzato da Pastori in moto, il sodalizio nato per valorizzare il mototurismo in Sardegna ma anche l’elevata qualità enogastronomica, culturale e naturalistica dell’isola, con un occhio attento anche al contesto internazionale.

LEGGI ANCHE Visitare la Sardegna in moto, arriva un'app

Il raid partirà il 15 dicembre da Cagliari a Piazza dei Centomila e passerà attraverso meravigliosi luoghi della Sardegna per raggiungere la tappa finale di Seneghe, ai piedi del Montiferru. In programma ci sono anche una cena sociale e un pranzo. Il percorso, lungo 150 km, è percorribile in due varianti, una su strada adatta a qualsiasi tipo di moto e un’altra con sterrati immersivi di media difficoltà e trasferimenti su strade panoramiche. Lungo la strada ci sarà occasione di fare tappe degustative di oli prestigiosi in quanto in tragitto attraversa cinque città dell’olio: , Dolianova, Escolca, Gergei, Sini e Seneghe. Quattro le aziende che hanno aderito all’iniziativa (Accademia Olearia di Alghero, Azienda Agricola Cannavera di Dolianova, Frantoio Artigiano Sandro Chisu di Orosei, Frantoio Fratelli Serra di Villacidro) rappresentative di altrettanti quattro produttori insigniti di prestigiosi riconoscimenti per la qualità dell’olio prodotto.

Nella tappa finale del motoraid è prevista anche una cerimonia di premiazione dei motociclisti con degustazione di prodotti tipici, pane, vino, olive e formaggi e ovviamente anche il raffinato olio, che si terrà all’Agricampeggio Elighes Uttiosos, a Santu Lussurgiu, nel cuore del Montiferru, un luogo panoramico a circa 1.000 metri sul livello del mare.