Niente birra da lui, è nero, razzismo a Cala Gonone

L'episodio in un bar contro un cameriere di origine senegalese, protagonisti quattro giovani sardi che sono stati allontanati dal titolare.

Arriva anche in Sardegna l'ondata razzista che sembra investire tutta l'Italia con ormai decine di episodi più o meno gravi. L'ultimo arriva dalla costa orientale sarda: "non vogliamo essere serviti da quello lì". Dove "Quello lì" è Mamadou Niang, cameriere 18enne di origine senegalese, che vive e lavora a Cala Gonone.

L'ennesimo episodio di razzismo è stato raccontato dalla stessa vittima e dal proprietario del bar che ha allontanato gli avventori, quattro ragazzi sardi. "Una birra, per favore. Ma non vogliamo che a servircerla sia quel cameriere", hanno detto i quattro. "Non volevo crederci", ha raccontato Dionigio Mereu Fronteddu, il titolare. "Alla fine, però, visto l'atteggiamento, li ho invitati ad accomodarsi fuori dal locale. Qui non facciamo distinzione per il colore della pelle, ma solo tra buoni e cattivi". "Razzismo? Ma no, è solo ignoranza. Sono persone che hanno un orizzonte limitato", ha commentato Mamadou Niang.