Capotreno: la Procura vaglia la posizione dei sindacalisti

  • Scritto da Effe_Pi

Secondo quanto trapela da ambienti dei magistrati sassaresi si starebbe approfondendo la posizione dei due esponenti Cisl che avevano denunciato l’aggressione.

Nonostante non sia più sotto i riflettori dei grandi media, non sembra essersi conclusa la vicenda della presunta aggressione alla capotreno sul treno Porto Torres – Sassari, successivamente smentita da Trenitalia e Questura ma confermata dal segretario regionale della Fit - Cisl Sardegna, Valerio Zoccheddu, che in un’intervista a IteNovas.com aveva parlato di smentita “a dir poco imbarazzante se non gravissima, aggiungendo di avere “una testimonianza diretta, anche scritta” della capotreno. La Procura di Sassari ha però comunicato oggi, secondo quanto riportato dall’agenzia Adnkronos, che la posizione dei due sindacalisti che hanno diffuso per primi la notizia (tra cui lo stesso Zoccheddu) è “al vaglio” dei giudici, visto che è trapelato come, secondo la ricostruzione dei poliziotti della Squadra Mobile e del Compartimento Polfer Sardegna, ci sarebbe stata un'accesa discussione tra la capotreno e un gruppo di otto ragazzi nigeriani senza biglietto, ma senza nessuna aggressione, tantomeno a sfondo sessuale.

LEGGI ANCHE | Capotreno aggredita: per Cisl "continue aggressioni"

La donna, peraltro iscritta ad un sindacato diverso da quello dei sindacalisti che hanno diffuso la notizia, ha riferito alla Mobile fatti coincidenti con quelli riferiti dai testimoni presenti sul treno: c'è stata un'accesa discussione con gli stranieri che non avevano il titolo di viaggio e la donna ha chiesto l'intervento della Polfer. Nessuna aggressione a sfondo sessuale, nessuna manata o pacca sulla donna. Proprio per questo la Procura di Sassari sta valutando la posizione di chi ha diffuso una notizia che ha destato un certo allarme sociale. Vedremo come proseguirà la diatriba e se la Cisl riterrà di rispondere a questo nuovo sviluppo di un caso che continua a tenere banco in un’estate sarda scandita anche da episodi di odio verso i luoghi che ospitano migranti, ultime la bomba a Dorgali di qualche giorno fa e la devastazione di una struttura adibita all’accoglienza di Sassari, l’altro ieri.

LEGGI ANCHE | La fake news della capotreno molestata a Porto Torres

Foto: Pixabay | CC0 Public Domain

 

Leggi anche