Nell'ultimo mese

CONTINUITA' TERRITORIALE: PER LA SARDEGNA UN MIRAGGIO

  • Scritto da Effe_Pi

Aeroporto ElmasDenuncia della Fasi sui costi degli aerei da e per l'isola.

La Sardegna diventa sempre più un miraggio, non solo per turisti e viaggiatori, ma anche per gli stessi sardi, specie quelli che ci sono nati ma non ci abitano più. I biglietti della cosiddetta (ormai è giusto definirla tale) "Continuità territoriale" aerea continuano ad aumentare e la situazione peggiora soprattutto per quelli che le compagnie definiscono "nativi", contrapposti ai residenti. E' di oggi la denuncia della Fasi (Federazione associazioni sardi in Italia), contro la politica tariffaria adottata di recente, ad esempio, da Meridiana, che prevederebbe una tariffa maggiorata del 30-40% per i sardi che non risiedono più nell'isola. Come esempio, la Federazione usa i prezzi di un volo andata e ritorno fra Cagliari e Roma nel periodo 12-15 luglio: i residenti pagano 150 euro, i "nativi" nell'isola 203. "Un sardo che sia lavoratore fuori dalla Sardegna e torni abitualmente dalla famiglia sarà fortemente penalizzato", è la denuncia, seguita da un appello alla politica regionale perché fermi "l'impazzimento generalizzato senza limiti, regole e certezze".

"Per chi vuole raggiungere la Sardegna - e non è residente né nativo - continuano i rappresentanti delle associazioni - l'innalzamento delle tariffe tocca vertici scandalosi". La Fasi cita l'esempio dei voli Milano-Cagliari e ritorno, nel periodo 4-26 agosto: un residente paga 171 euro, un nativo 221 e un passeggero senza questi requisiti da 358 a 625 euro, anche prenotando in questi giorni, quindi con largo anticipo. "Quello dei trasporti, con la sua attuale regolamentazione insensata, resta il problema più grave in assoluto per il turismo e l'economia della Sardegna", sostiene la Federazione dei circoli, e in particolare "sono penalizzati gli emigrati, già danneggiati gravemente negli ultimi due anni dal costo del trasporto marittimo". La Fasi conclude ribadendo che "il perseguimento di una continuità territoriale per tutti a tariffa unica è la sola strada percorribile".

Leggi anche