Nell'ultimo mese

Tibet, un nuovo mandato per Sangay

Lobsang Sangay, capo del governo dei tibetani in esilio, è stato confermato primo ministro.

Da Internazionale

Lobsang Sangay, capo del governo dei tibetani in esilio, è stato confermato primo ministro nelle elezioni che si sono tenute il 20 marzo.

Il risultato sarà ufficiale solo il 27 aprile, ma secondo la commissione elettorale in esilio Sangay ha ottenuto il 57 per cento dei voti.

Le sue priorità per i prossimi cinque anni, ha dichiarato, saranno seguire “la via di mezzo” e il dialogo con Pechino.

Leggi anche