Polonia, il governo sfida i giudici

Si fa sempre più seria la crisi costituzionale innescata dalle riforme volute dal partito Diritto e giustizia (Pis).

Da Internazionale

Il 10 marzo la corte costituzionale ha bocciato le nuove norme sul suo funzionamento, approvate dopo uno scontro con l’esecutivo sulla nomina di alcuni giudici.

Secondo la riforma, le decisioni avrebbero dovuto essere prese a maggioranza di due terzi e alla presenza di 13 dei 15 giudici costituzionali. La riforma – dicono i giudici – viola i principi del sistema democratico.

Il governo, tuttavia, ha annunciato che non riconoscerà la sentenza. “Il leader di Pis, Jaroslaw Kaczynski, ha dichiarato guerra a milioni di polacchi”, scrive il settimanale Newsweek Polska. “Li ha insultati calpestando lo stato di diritto, condizionando la corte costituzionale e non ascoltando le rimostranze che arrivavano dall’estero. Questa battaglia è la più importante dal 1989. Ed è una battaglia per il futuro del paese”.

Preoccupato anche il quotidiano conservatore Rzeczpospolita: “La sentenza della corte costituzionale e il riiuto del governo di rispettarla hanno innescato una reazione a catena che rischia di far saltare l’intero sistema legale”.

Approfondisci:

Peter Rough dell’Hudson Institute commenta uno dei temi centrali del Consiglio europeo spiegando le priorità dell’amministrazione Nato e i rischi legati all’autonomia strategica ...
Caro direttore, l'insensato sovranismo dei laeder polacchi, supportati dai giudici della Corte Costituzione da loro nominati, che hanno rigettato la prevalenza del diritto comunitario su ...
I leader europei hanno lasciato ieri sera il vertice di Bruxelles con delle questioni sul tavolo ancora da risolvere. Se il capitolo Covid è stato chiuso in fretta dai 27, non si può dire lo stesso di ...
Lo scontro tra la Corte Costituzionale polacca e la Commissione è il risultato di una questione mai sciolta: fallito nel 2005 lo Stato federale dell’Europa, resta aperto il tema del rapporto tra l’ese ...
Nella prima giornata del vertice i 27 hanno discusso del conflitto fra Bruxelles e Varsavia, di commercio e del rialzo dei prezzi energetici ...