Nell'ultimo mese

Polonia, il governo sfida i giudici

Si fa sempre più seria la crisi costituzionale innescata dalle riforme volute dal partito Diritto e giustizia (Pis).

Da Internazionale

Il 10 marzo la corte costituzionale ha bocciato le nuove norme sul suo funzionamento, approvate dopo uno scontro con l’esecutivo sulla nomina di alcuni giudici.

Secondo la riforma, le decisioni avrebbero dovuto essere prese a maggioranza di due terzi e alla presenza di 13 dei 15 giudici costituzionali. La riforma – dicono i giudici – viola i principi del sistema democratico.

Il governo, tuttavia, ha annunciato che non riconoscerà la sentenza. “Il leader di Pis, Jaroslaw Kaczynski, ha dichiarato guerra a milioni di polacchi”, scrive il settimanale Newsweek Polska. “Li ha insultati calpestando lo stato di diritto, condizionando la corte costituzionale e non ascoltando le rimostranze che arrivavano dall’estero. Questa battaglia è la più importante dal 1989. Ed è una battaglia per il futuro del paese”.

Preoccupato anche il quotidiano conservatore Rzeczpospolita: “La sentenza della corte costituzionale e il riiuto del governo di rispettarla hanno innescato una reazione a catena che rischia di far saltare l’intero sistema legale”.

Approfondisci:

Polonia si opporrà a Europa due velocità a Summit Ue di Roma ... assieme ai Paesi del Nord Africa per gestire la crisi dei migranti con centri di selezione e controllo, ... Minniti : Summit a Roma per centri di controllo in Nord Africa: Roma, 9 mar ...
Grecia e Polonia hanno minacciato lo strappo. Le loro opposizioni sono significative, perché si muovono lungo due linee di frattura all’interno dell’Unione. Atene rappresenta la tradizionale spaccatura Nord-Sud, eredità della crisi iniziata nel 2008.
E’ un’ Europa in piena crisi d’identità quella che si appresta a celebrare ... tentata di rimettere tutto in discussione. Il primo ministro polacco, Beata Szydlo, resta ancora oggi sulle sue posizioni: “L’Europa deve restare una, indivisibile ...
la Polonia è stata capace di profittare della flessibilità dello zloty in una maniera che ha al contempo aiutato la crescita e ridotto il deficit senza importare inflazione. [...] Siamo stati in grado [si riferisce al periodo della crisi economica] di ...
Roma. La crisi tra la Polonia e il resto dei paesi europei dopo la rielezione di Donald Tusk alla presidenza del Consiglio europeo ha generato a Varsavia una specie di schizofrenia diplomatica. Oggi, nel giro di poche ore, esponenti del governo polacco ...

Leggi anche