Polonia, il governo sfida i giudici

Si fa sempre più seria la crisi costituzionale innescata dalle riforme volute dal partito Diritto e giustizia (Pis).

Da Internazionale

Il 10 marzo la corte costituzionale ha bocciato le nuove norme sul suo funzionamento, approvate dopo uno scontro con l’esecutivo sulla nomina di alcuni giudici.

Secondo la riforma, le decisioni avrebbero dovuto essere prese a maggioranza di due terzi e alla presenza di 13 dei 15 giudici costituzionali. La riforma – dicono i giudici – viola i principi del sistema democratico.

Il governo, tuttavia, ha annunciato che non riconoscerà la sentenza. “Il leader di Pis, Jaroslaw Kaczynski, ha dichiarato guerra a milioni di polacchi”, scrive il settimanale Newsweek Polska. “Li ha insultati calpestando lo stato di diritto, condizionando la corte costituzionale e non ascoltando le rimostranze che arrivavano dall’estero. Questa battaglia è la più importante dal 1989. Ed è una battaglia per il futuro del paese”.

Preoccupato anche il quotidiano conservatore Rzeczpospolita: “La sentenza della corte costituzionale e il riiuto del governo di rispettarla hanno innescato una reazione a catena che rischia di far saltare l’intero sistema legale”.

Approfondisci:

Per questo la notizia pubblicizzata sul sito web della K-Flex Polonia ci lascia sbigottiti ... pubblico da tenere in Brianza per dare voce ai lavoratori delle aziende in crisi. «Il tema del lavoro – aggiunge Giorgio Garofalo, MDP – deve tornare ...
Victor Orban Le porte della Polonia sono aperte all’Europa ... Da allora, il Vecchio continente ha cambiato faccia, tra crisi politiche ed economiche, profughi, terrorismo e Brexit. Ma anche a Varsavia e Budapest gli umori sono ben diversi dal maggio ...
Il voto austriaco ha rafforzato le politiche centrifughe del gruppo di Visegrad, anti immigrati e contro lo stato di diritto, in particolare presenti in Polonia e Ungheria, se non in Slovacchia e Repubblica Ceca. La crisi catalana ha posto il problema ...
"Non possiamo accettare i rifugiati, perché abbiamo già preso gli ucraini, ora si trovano in Polonia", ha dichiarato la ministra ... A settembre 2015 l'UE, durante il picco di migrazione della crisi, ha varato un programma di reinsediamento di 160 ...
La seconda grande crisi riguardò gli eventi di Praga del 1968, seguita dalla crisi polacca del 1981/82 e dall'esodo dalla Germania dell'est e dalla Romania nel 1989/90, e infine, "l'ondata" d'immigrati durante le guerre di Jugoslavia nei primi anni 90.

Leggi anche