Polonia, il governo sfida i giudici

Si fa sempre più seria la crisi costituzionale innescata dalle riforme volute dal partito Diritto e giustizia (Pis).

Da Internazionale

Il 10 marzo la corte costituzionale ha bocciato le nuove norme sul suo funzionamento, approvate dopo uno scontro con l’esecutivo sulla nomina di alcuni giudici.

Secondo la riforma, le decisioni avrebbero dovuto essere prese a maggioranza di due terzi e alla presenza di 13 dei 15 giudici costituzionali. La riforma – dicono i giudici – viola i principi del sistema democratico.

Il governo, tuttavia, ha annunciato che non riconoscerà la sentenza. “Il leader di Pis, Jaroslaw Kaczynski, ha dichiarato guerra a milioni di polacchi”, scrive il settimanale Newsweek Polska. “Li ha insultati calpestando lo stato di diritto, condizionando la corte costituzionale e non ascoltando le rimostranze che arrivavano dall’estero. Questa battaglia è la più importante dal 1989. Ed è una battaglia per il futuro del paese”.

Preoccupato anche il quotidiano conservatore Rzeczpospolita: “La sentenza della corte costituzionale e il riiuto del governo di rispettarla hanno innescato una reazione a catena che rischia di far saltare l’intero sistema legale”.

Approfondisci:

La Sicilia, insieme alla Campania, è la regione che ha perso più residenti negli anni della crisi. In 73mila ... hanno fatto ritorno al Paese di origine (Romania, Ucraina, Polonia, Moldavia)», si legge nel rapporto. Nell'ultimo report dell'Osservatorio ...
Per i piccoli autotrasportatori è crisi nera, e chi può, cerca di unirsi in cooperative ... Non a caso, se in Italia si chiude, in Romania, Polonia e paesi limitrofi, si aprono continuamente nuove aziende e si continuano a immatricolare nuovi mezzi ...
Il gol fa bene alla rappresentativa in maglia blu, che accelera e cerca addirittura il gol del vantaggio: sotto una pioggia che si fa sempre più insistente, Mihalik con una sassata da fuori manda in crisi il portiere polacco che però si riscatta con un ...
La vicenda è iniziata nel 2015, quando a fronte dell’inizio della crisi migratoria, l’Unione Europea ha deciso in favore della ricollocazione di 160.000 rifugiati, nonostante il voto contrario di Polonia, Ungheria, Slovacchia e Romania. Non concordi ...
Il commissario europeo alla Migrazione, Dimitris Avramopoulos, ha annunciato l’altro ieri sanzioni contro Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca per l’avere infranto l’obbligo di accoglienza dei migranti sbarcati in Italia e Grecia, fissati due anni fa ...

Leggi anche