Roghi nell'oristanese: spento nella notte nuovo innesco

  • Scritto da Effe_Pi

Fermato un nuovo fronte del fuoco sul Montiferru, già devastato nei giorni scorsi dagli incendi e ancora a rischio causa alte temperature.

E' stata fermata l'avanzata del nuovo fronte di fuoco che ieri pomeriggio si è aperto sul Montiferru già devastato dal grande rogo partito sabato scorso. Nella notte c'è stata un'azione di contenimento. Stamane all'alba di nuovo tutti in azione, e il possibile impiego  anche dei mezzi aerei, per completare lo spegnimento con le bonifiche. Il nuovo incendio ieri è partito  a valle di Santu Lussurgiu e San Leonardo. Si è diretto verso la provinciale di Borore e poi verso quella di Abbasanta. Un ampio fronte di chilometri che ha richiesto l'impiego di ben quattro canadair, oltre a quattro elicotteri e alle squadre a terra. Nella tarda serata la situazione è stata messa sotto controllo.

L'opera di spegnimento è andata in parallelo con quella necessaria nel  comune di Sagama, dove si è registrato ancora un altro incendio, e con le cosiddette riaccensioni del grande rogo che ha annerito Montiferru e Planargia. Focolai si sono accesi, infatti, a Cuglieri e Santu Lussurgiu e hanno richiesto lavoro anche nella notte. Proprio il sindaco di Santu Lussurgiu, Diego Loi, ieri pomeriggio, davanti alla recrudescenza del fuoco si è lasciato andare a uno sfogo sui social: "Basta, basta, basta. Rafforzate il sistema di bonifiche, non risparmiatevi sui mezzi, mandate i canadair e le squadre a terra. Non sottovalutate ancora una volta il fenomeno e dispiegate le massime forse possibili". "Ora basta, non siamo più disponibili a tollerare nulla", ha concluso Loi. Un messaggio più che eloquente.