Nell'ultimo mese

Turismo: rete di B&B sostenibili nel parco a Posada

  • Scritto da Effe_Pi

Monte TepiloraCostituita una rete tra le strutture presenti nel territorio del futuro parco di Tepilora, che coinvolge diversi comuni della zona.

Una rete di Bed & Breakfast a Posada per il futuro parco di Tepilora, per lanciare strutture “dal basso” e sostenibili da un punto di vista ambientale, verso un modello di turismo più rispettoso ma meno approssimativo di quello che si è visto finora in Sardegna. L’area protetta diventerà presto operativa coinvolgendo i comuni di Posada, Lodé, Torpé e Bitti.  Attualmente sono una decina i Bed & Breakfast e gli agriturismi coinvolti, ma il progetto potrebbe presto allargarsi a tutte le 30 strutture ricettive della zona. L’obiettivo è di creare strumenti comuni per promuovere il turismo in un territorio estremamente vario e affascinante dal punto di vista naturalistico. Dalle aree montuose dell’entroterra alle splendide spiagge sabbiose passando per l’area fluviale del Rio Posada: sono questi i punti di forza di un’area ancora incontaminata e poco battuta dalle rotte del turismo classico.

La Rete anticipa, di fatto, la costituzione formale del Parco di Tepilora. A breve la Regione Autonoma della Sardegna dovrebbe dare via libera all’atto che consentirà di proteggere un’area di circa 70.000 ettari in una delle zone meno popolate d’Italia. Il Parco, ricco di acqua per la presenza del Rio Posada, è finalizzato alla valorizzazione e alla tutela delle grandi ricchezze che lo caratterizzano, quali formazioni vegetali e specie faunistiche di elevato valore naturalistico. Fra queste ultime si segnalano popolazioni di daini, cinghiali, volpi, martore, lepri sarde e, in particolare, l’aquila reale, il cui sito di nidificazione è localizzato nei pressi del Monte Tepilora.

Altro elemento chiave attorno al quale è nata la Rete di B&B è stato quello della sostenibilità ambientale. Grazie a una serie di incontri preparatori, svolti insieme a Legambiente Sardegna, i titolari delle strutture coinvolte hanno individuato una serie di punti qualificanti sotto il profilo ambientale, dal consumo energetico nelle camere alla gestione dei rifiuti prodotti dai turisti. Oltre all’impegno a rispettare questi aspetti, i B&B ne diventeranno promotori presso i loro ospiti, favorendo un turismo a basso impatto e attento alle qualità ambientali del luogo. Tutte le strutture aderenti saranno caratterizzate da un marchio che richiama il logo del Parco di Tepilora, su cui canalizzare la comunicazione: questa scelta consente, infatti, un'immediata identificazione della Rete costituita con il territorio di appartenenza.

Leggi anche