Assolti dopo 26 anni quattro uomini di Alghero

  • Scritto da Effe_Pi

L’incredibile vicenda giudiziaria di un gruppo di sardi accusati di traffico di droga ora saranno “risarciti” con 63mila euro.

Più di ventisei anni per un'assoluzione con formula piena in primo grado. Se ancora qualcuno avesse dubbi sulle disfunzioni quasi fisiologiche del sistema giudiziario italiano, potrebbe rivolgersi a Salvatore Budruni, Giuseppe Ballone, Antonio Martiri e Gervasio Madeddu, tutti di Alghero. Finiti sotto inchiesta nel 1991 a seguito di un'indagine su un presunto traffico di sostanze stupefacenti, con un'ipotesi accusatoria che arrivava sino all'associazione a delinquere, sono stati assolti dal tribunale di Sassari nel novembre del 2017. A distanza di un anno da quella sentenza, la sezione staccata di Sassari della Corte d'appello di Cagliari ha stabilito che lo Stato dovrà risarcire a ciascuno di loro 600euro per ogni anno di questa odissea giudiziaria ai limiti del paradosso (circa 63mila euro complessivi), la cui conclusione arriva mentre il Paese si interroga sulla riforma del sistema giudiziario e processuale, con il governo in carica che non esclude di abolire la prescrizione.  

LEGGI ANCHE | Giustizia: sciopero della fame del campione di arti marziali

"Questo caso conferma quanta urgenza ci sia di intervenire per garantire ai processi una durata ragionevole, e che non è certo l'annullamento della prescrizione la strada perseguibile per una riforma che vada in questa direzione", secondo l’avvocato Gabriele Satta, uno dei difensori dei quattro. La vicenda era partita con un'indagine su traffico di droga ad Alghero che aveva coinvolto quindici persone, accusate di associazione a delinquere. Per alcuni degli indagati nel dicembre di quell'anno scattano anche le manette.

Nel 1995 si celebra l'udienza preliminare, ma il Gup di Sassari annulla la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura e rimette gli atti al pubblico ministero, chiedendo ulteriori prove a carico delle persone coinvolte. Il caso finisce nell'oblio sino al 2010, quando la Procura  trasmette l'avviso di conclusione delle indagini e chiede di nuovo il rinvio a giudizio per tutti. Un anno dopo il Gup accoglie la richiesta e dà il via libera al dibattimento. Dopo sei anni, nel novembre del 2017, vengono tutti assolti. Non completamente soddisfatti della sentenza, i difensori di Salvatore Budruni, Giuseppe Ballone, Antonio Martiri e Gervasio Madeddu presentano un ricorso contro l'eccessiva durata del processo, muovendo dall'assunto che i tempi ragionevoli per un pronunciamento in primo grado sono stimati in tre anni. Ai quattro algheresi ne sono serviti “solo” ventitré in più.

Foto | Marta su Flickr