Montiferru – Sinis: si rafforza con due nuovi ingressi l’Unione di Comuni

  • Scritto da Effe_Pi

Entrano nell’organizzazione anche Sennariolo e Scano di Montiferru, arrivano a 11 le amministrazioni locali che la compongono, l’annuncio del Presidente Diego Loi.

Si amplia e si rafforza l’Unione dei Comuni del Montiferru-Sinis, con l’ingresso di due nuovi paesi, Sennariolo e Scano di Montiferro. Lo ha annunciato il presidente dell’Unione stessa, il sindaco di Santu Lussurgiu, Diego Loi, a valle della riunione che ha formalizzato i nuovi ingressi. L’Assemblea ha infatti ratificato all’unanimità le adesioni, nella convinzione che con esse ”si rafforzi tutta l’Unione e si possano delineare politiche e strategie territoriali in grado di portare vantaggio a tutti i comuni dell’Unione medesima”. La sostanziale omogeneità dei comuni del Montiferru si unirebbe in “maniera armoniosa” ai comuni dell’Alto Campidano, dando luogo ad una continuità di buoni rapporti di vicinato e di scambi tra questi comuni. Al momento fanno parte dell’organizzazione 11 paesi, ovvero: Bauladu, Bonarcado, Cuglieri, Milis, Nurachi, Santu Lussurgiu, Scano di Montiferro, Seneghe, Sennariolo, Tramatza e Zeddiani.

L’Unione intende lavorare con sempre maggiore determinazione “sulla specializzazione dei servizi esistenti e sulla costruzione di nuovi servizi per garantire la giusta competitività dell’area”. Nelle parole di Loi vi è “una chiarissima individuazione da parte di tutti i partecipanti delle proprie prerogative e nello stesso tempo la convinzione del valore aggiunto dello stare assieme dei due territori contermini: la compensazione delle risorse presenti nei territori della pianura del Campidano e del Montiferru sono infatti il valore aggiunto di questa Unione, e la base su cui serenamente sono stati costruiti i rapporti specialmente nell’ultimo periodo”. L’ingresso di Scano di Montiferro e Sennariolo rappresenta quindi “un momento storico molto importante in quanto dopo diversi anni (e dopo un lungo percorso di interlocuzioni tra gli enti), si ricompone sotto un unico soggetto istituzionale la regione storica del Montiferru”.  Il primo cittadino di Santu Lussurgiu si è detto “molto soddisfatto per questo momento” perché convinto che con l’ingresso di questi comuni si rafforzi tutta l’Unione, visto anche che “si svilupperà immediatamente con i nuovi sindaci un dialogo aperto e costruttivo per il territorio di tutta l’Unione”.

Foto: Marco Assini su Flickr

Leggi anche