Via libera ai fondi per banchina di Santa Teresa e Travel Lift

  • Scritto da Roberto Roby Rossi

VVia libera ai finanziamenti regionali per Travel Lift e banchina di Santa Teresa con nota del 15 novembre la R.A.S ha comunicato lo sblocco dei fondi per lo sviluppo.

Con una nota del 15 novembre scorso la R.A.S ha comunicato lo sblocco dei fondi per lo sviluppo, dando via libera ai finanziamenti regionali previsti per la banchina di Santa Teresa Gallura e Travel Lift di Porto Torres. La situazione si è sbloccata con la definitiva costituzione dell’Ente preposto che consente ora di accedere ai tre milioni e duecentomila euro destinati al rilancio degli scali delle due località, per centrare l'importante obiettivo di dare impulso alla nautica da diporto nel nord ovest e ai traffici commerciali internazionali del settentrione isolano.

Concluse le fasi progettuali ed espletate le gare d’appalto per l’affidamento dei lavori, con il termine perentorio del 31 dicembre 2019, si potrà procedere ai due interventi infrastrutturali presentati da tempo alla Regione, nello specifico il completamento della banchina e dei servizi del porto commerciale di Santa Teresa Gallura e la realizzazione dello scalo di alaggio e varo (Travel Lift) a Porto Torres a Porto Torres.

LEGGI ANCHE | A Capo Testa il nuovo parco marino sardo

Per quanto riguarda quest'ultimo intervento sono previsti un milione e 700 mila euro, ai quali si aggiungono altri 300 mila euro che sono già a disposizione dell’ex Autorità portuale di Golfo Aranci. Si tratta della realizzazione di un ampio bacino per alaggio e varo nel lato di ponente della Banchina di Riva e con il posizionamento del travel lift con capacità di sollevamento di 650 tonnellate, che verrà fornito con fondi dell’AdSP.

Altrettanta importanza ricopre l'opera prevista a Santa Teresa Gallura, il cui scopo principale è il potenziamento ed il rilancio del porto che si affaccia alla Corsica. Come detto, in questo caso si interviene sulla banchina per la quale è previsto l'allungamento di 25 metri, portandola ad un'estensione di circa 170 metri. La somma finanziata è di un milione e mezzo di euro, che devono consentire tutta la serie di lavori successivi allo studio di fattibilità idraulico – marittimo delle opere depositato a suo tempo, quindi l’allungamento della banchina e la realizzazione di un nuovo piazzale destinato al pre – imbarco dei mezzi, previsto in circa 1500 mq per favorire il decongestionamento del traffico dello scalo ed il miglioramento della capacità operativa.

Massimo Deiana, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna, ha voluto esprimere la sua soddisfazione, spiegando che “siamo finalmente giunti ad una fase risolutiva, frutto di una fattiva e proficua collaborazione con la Regione Sardegna e dell’attenta sensibilità delle strutture degli assessorati competenti. Con grande responsabilità, consapevoli della scadenza inderogabile del 31 dicembre 2019, avviamo, da una parte, una nuova stagione di interventi per il polo nautico del nord ovest, mettendo a disposizione degli operatori una struttura moderna ed efficiente. Dall’altra, aspetto non meno importante, posiamo concretamente la prima pietra per il rilancio del porto di Santa Teresa nel sistema trasportistico marittimo del Mediterraneo, con la realizzazione di un banchinamento e piazzali che possano soddisfare le esigenze del trasporto e degli scambi commerciali con la Corsica e non solo. Uno stimolo, questo, per nuove strategie commerciali del trasporto marittimo e future ricadute economiche sul comparto produttivo isolano”.

A sua volta Stefano Pisciottu, sindaco di Santa Teresa Gallura, condividendone lo spirito positivo del traguardo raggiunto, sottolinea che “il finanziamento è a favore dell'Autorità portuale ed è destinato ad importanti opere di adeguamento e sviluppo del porto di Santa Teresa, in virtù di un progetto già presente in Regione, finanziato e definanziato più volte e che ora, finalmente, è destinato a diventare fatto concreto. Per questo motivo a breve andremo a sederci attorno ad un tavolo, noi amministrazione comunale insieme all'Autorità portuale, per rendere concreta questa importante opportunità per Santa Teresa e per tutto il nord ovest Sardegna”.

Roberto Rossi

Foto: Alessandro Valli su Flickr