Capo Spartivento diventa area marina protetta

  • Scritto da Anna Maria Cantarella

Due nuovi emendamenti istituiscono nuove aree marine protette, tra cui quella di Capo Spartivento in Sardegna

La legge di bilancio ha approvato l’istituzione di 3 nuovi parchi e 2 aree marine protette. Nella notte infatti sono stati approvati due emendamenti che di fatto rendono ufficiale l’istituzione di Capo Spartivento come area marina protetta. La zone tutelata ha ricevuto una dotazione 800 mila euro nel triennio. Ma ci sono anche altri parchi in Italia che beneficeranno delle novità di questa legge di bilancio, tra cui il Parco interregionale del Delta del Po, che da 30 anni aspettava di essere riconosciuto, e il Parco Regionale di Portofino che diventa finalmente un parco nazionale comprendente la già istituita area marina protetta antistante.

LEGGI ANCHE| Turismo e ambiente: in Sardegna li unisce Stratus

Grandissima la soddisfazione dei senatori Massimo Caleo e Stefano Vaccari, rispettivamente vicepresidente e capogruppo del Pd nella commissione Ambiente che hanno così commentato l’approvazione degli emendamenti: “Il nostro grande impegno per i parchi è stato premiato”.

LEGGI ANCHE| A Barumini 3mila visitatori per Expo Sardegna

Capo Spartivento è un promontorio della Sardegna sud-occidentale che costituisce il limite occidentale del golfo di Cagliari. Circondato dalla spiaggetta di portu Simoni Gibudda, nota come cala Cipolla, ricca di pini e ginepri, e dagli scogli detti "i Padiglioni" e gli isolotti Ferraglione, Capo Spartivento è noto soprattutto per la presenza di un faro costruito nel 1866. Il faro è uno dei più antichi di tutta la Sardegna, ristrutturato nel 2006, ed è ancora oggi in funzione. Attualmente è presidiato e periodicamente controllato dal personale della reggenza di Cagliari. La parte sottostante alla struttura è stata completamente ristrutturata e rimodernata ed è attualmente adibita a Luxury Guesthouse, un resort di alto livello dotato di un impianto di fitodepurazione e di un sistema di pannelli solari.

FOTO| Josef Grunig via Flickr