Nell'ultimo mese

Trivellazioni: Goletta Verde contro quelle in Sardegna

  • Scritto da Effe_Pi

Trivelle in mareLa storica imbarcazione di Legambiente da Cagliari assegna le cinque vele nere al ministro Guidi, favorevole alle ricerche di petrolio in mare.

Un no deciso alle trivellazioni in Sardegna, con tanto di vele nere al ministro dello Sviluppo economico. È la posizione di Goletta Verde, la storica ibarcazione ambientalista di Legambiente, che da  Cagliari ha lanciato la sua battaglia contro i sondaggi per la ricerca di petrolio in mare. Per questo la bandiera con le cinque vele nere, il poco ambito vessillo che ogni anno l'associazione attribuisce ai progetti e alle scelte che recano danno e rischi per il mare e le coste italiane, va al ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi, perché - si legge nella motivazione - "nelle ultime settimane è tornata più volte sulla necessità di puntare sui giacimenti di petrolio nazionale e di sbloccare le attività estrattive, tra cui le numerose richieste off-shore che oggi attendono di andare avanti".

"È ora di dire basta ad una inutile corsa al petrolio – dice Goletta Verde - Già oggi le aree interessate dalle attività petrolifere occupano una superficie marina di circa 24mila kmq, un'area grande come la Sardegna. Le quantità stimate sotto il mare italiano sono di appena 10 milioni di tonnellate e stando ai consumi attuali, si esaurirebbero in soli due mesi". Secondo gli ambientalisti, "continuare a rilanciare l'estrazione di idrocarburi nel mar Mediterraneo e l'apertura alle compagnie petrolifere della Zona E tra la Sardegna e le Baleari, è solo il risultato di una strategia insensata che non garantisce nessun futuro energetico per il nostro Paese e incrementa i rischi e i danni per il mare e l'ambiente. Purtroppo anche l'attuale Governo sembra confermare questa scellerata strada".

"Ci opponiamo fermamente al rischio che la Sardegna diventi il nuovo Eldorado delle compagnie petrolifere – sottolinea Serena Carpentieri, portavoce di Goletta Verde - un territorio di inestimabile valore naturalistico che non può permettersi di ipotecare il proprio futuro, subendo scelte scellerate ed esponendosi a enormi rischi ambientali. Inoltre le realtà locali restano succubi di queste scelte scellerate: Regioni, Province e Comuni sono, infatti, ormai tagliate fuori dal tavolo decisionale. Il futuro, la bellezza, l'economia del nostro Paese viene svenduto per un pugno di taniche".

Leggi anche