Ambientalisti comprano Chia e chiedono sostegno per salvarla

  • Scritto da Effe_Pi

Un preliminare da 100mila euro per il Grig per acquistare terreni davanti all'isolotto de Su Giudeu, chiesto contributo a tutti i sardi, ma il sindaco di Domus de Maria ribatte: nessun rischio, è tutto demaniale.

Un preliminare di acquisto da 100mila euro. E una colletta per riconsegnare un pezzo di paradiso della Sardegna, le dune di Chia, ai sardi. Il Gruppo di intervento giuridico, associazione nota per le mille battaglie combattute anche nei tribunali in nome dell'ambiente, ha deciso di procedere all'acquisto di una parte delle spiagge davanti all’isolotto di Su Giudeu. Una mossa contro un futuro privatizzato. Ma anche un tentativo di difendersi da "altamente probabili integrazioni normative che consentano la produzione di volumetrie edilizie da concentrare subito a ridosso di dune e spiaggia".

LEGGI ANCHE | Spiagge di Sardegna: Spiaggia Su Giudeu

Per questo hanno lanciato un appello a "tutte le persone che tengono al proprio ambiente, alla propria identità, al futuro della propria terra". Come? Con un versamento al Grig: a chi contribuirà con almeno 30 euro sarà inviato un simbolico attestato di benemerenza e la tessera associativa. "Le dune e la spiaggia sono in pericolo, non solo per colpa dei maleducati che gettano rifiuti o dei vandali che danneggiano i Ginepri - spiegano dall'associazione - Sono di proprietà privata, fin a pochi passi dalla battigia marina, caso raro in Italia".

Nella zona vari soggetti immobiliari a capitale arabo e internazionale stanno rastrellando terreni, come sta già accadendo anche in altre parti della Sardegna, "e non è azzardato ipotizzare un futuro privatizzato per dune e spiaggia", accusano. Il Comune di Domus de Maria, su cui sorgono le spiagge di Chia, non era a conoscenza dell'iniziativa ma la sindaca, Maria Concetta Spada, ha tenuto a ricordare che "la fascia costiera non solo è demaniale, ma è al centro di diversi progetti e finanziamenti per la sua tutela. Come il progetto Providune da due milioni con fondi comunitari, più un altro con altri fondi comunitari e fondi Por per la valorizzazione delle aree Sic“.

Foto: Flickr | Nicolas Vadilonga (© BY-NC-ND 3.0 IT)