Test all'ingresso in Sardegna, ecco l'ordinanza di Solinas

  • Scritto da Effe_Pi

La bozza della giunta regionale prevede tre alternative per chi entra nell'isola, dal tampone rapido per Covid alla quarantena di dieci giorni.

Tre alternative, tutte caratterizzate da obbligo, per chi intende fare ingresso in Sardegna a partire da lunedì 8 marzo e non sia già vaccinato o non si sia sottoposto a tampone molecolare con esito negativo almeno 48 ore prima della partenza. Lo prevede la bozza dell'ordinanza che il presidente della Regione sarda Christian Solinas dovrebbe adottare nelle prossime ore.

La prima: recarsi presso le aree dedicate in porti e aeroporti per sottoporsi a tampone antigenico rapido. Seconda: fare il test entro 48 ore dall'arrivo in una struttura pubblica o privata accreditata a proprie spese. Terza: entrare in quarantena per dieci giorni. Riguardo alla prima alternativa,in caso di esito negativo, la bozza del provvedimento prevedeche il soggetto possa muoversi con la raccomandazione diripetere il test dopo cinque giorni; in caso di esito positivo scatteranno le procedure previste dalla legge per i casi di Covid-19 positivi.

LEGGI ANCHE | Covid-19, 5 isole tra quarantena e passaporto sanitario

Tutte le prescrizioni saranno fatte rispettare dall'assessorato della Sanità in accordo con le società di gestione dei trasporti aerei e marittimi. L'obiettivo del provvedimento è evitare una nuova escalation di contagi soprattutto dopo il passaggio della Sardegna, unica Regione in Italia, in zona bianca. E' anche prevedibile che, prima di diventare ordinanza, la bozza sia condivisa con lo stesso tavolo che ha dato il via libera alla zona bianca e del quale fanno parte il ministero della Salute e l'Istituto superiore di Sanità, dai quali proprio oggi è atteso il consueto report settimanale della cabina di regia sull'andamento della curva epidemiologica in Italia. Un documento alla base della determinazione delle fasce di colore diverso in cui è suddiviso il Paese.

Foto | City of Detroit su Flickr