Nell'ultimo mese

INtervista a Enzo Comina, SEL

  • Scritto da Effe_E

Le INterviste di IteNovas.com sulle elezioni regionali del 2014.
4 Domande, sempre le stesse per tutti i candidati, sui temi caldi di questa campagna elettorale.


Enzo Comina | SEL

1) Cosa ritiene di poter fare in consiglio regionale di diverso da quanto fatto finora?

Credo che la valorizzazione dell’esperienza professionale e di vita che può essere messa a disposizione della collettività da parte dei cittadini provenienti dalla società civile può rappresentare davvero il valore aggiunto in grado di far ripartire la Sardegna.

Una seria politica ambientale e paesaggistica rivolta alla salvaguardia del nostro territorio; la valorizzazione delle nostre risorse e produzioni agro alimentari, il rilancio del settore turistico accompagnata da una seria politica dei trasporti, possono essere il volano in grado di far ripartire l’economia e con essa l’occupazione nella nostra Regione.

Cinque anni di non-governo accompagnate ad una grave crisi economica di carattere generale hanno messo in ginocchio la Sardegna e solo un cambio di passo nelle direzioni indicate potrà consentire di superare questa preoccupante recessione economica ed indirizzare la nostra isola verso quei traguardi di benessere collettivo che le potenzialità della nostra terra e dei nostri cittadini meritano e sono in grado di esprimere.

2) Emergenza lavoro: un solo provvedimento che la regione può fare in tempi brevi.

In questo momento di gravissima difficoltà economica credo sia essenziale un progressivo intervento pubblico che, attraverso un nuovo piano per il lavoro, soprattutto mirato al risanamento ed alla messa in sicurezza del territorio, consenta di dare un’importante respiro alla gravissima crisi occupazionale che attanaglia la nostra regione.

3) Autonomia, sovranismo o indipendenza? E perché?

Sono assolutamente favorevole ad un progressivo rafforzamento dell’autonomia della Regione che, attraverso una revisione dello Statuto, consenta di raggiungere quei risultati che in altre Regioni italiane ed in altri stati europei hanno consentito un’armonioso sviluppo economico sia del territorio che delle istituzioni, da attuarsi attraverso un’alta capacità decisionale ed un’attenta gestione delle proprie risorse finanziarie rilanciando, con forza, la vertenza entrate con lo Stato centrale colpevolmente abbandonata nel corso dell’ultima legislatura.

4) Qual è la novità di queste elezioni? Perché un sardo deluso dovrebbe tornare alle urne?

Credo che la novità positiva più importante sia la presenza in numerose liste di candidati provenienti dalla Società civile, dal mondo imprenditoriale e del volontariato; cittadini che in questo particolare momento storico di disaffezione verso una classe politica inconcludente, colpita in pieno da scandali e inchieste della magistratura, mettono a disposizione della Sardegna e dei suoi cittadini tutta la loro esperienza e voglia di rendersi utili per far crescere, finalmente, la propria regione.

Non sarà semplice convincere tutti i cittadini delusi dalla vecchia politica a tornare alle urne, ma la voglia di cambiamento è così alta che credo tutti vorranno dare il loro contributo per iniziare, dal basso, una nuova fase di rinascita, anche morale, della nostra Regione.

Enzo Comina
Lista di appartenenza SEL – Sinistra e Libertà
Coalizione Centrosinistra
Presidente sostenuto Francesco Pigliaru
Circoscrizione di Oristano

Leggi anche