Sardinian Job Day: a Cagliari il 24 e 25 gennaio

  • Scritto da Anna Maria Cantarella

La fiera del lavoro vedrà protagonisti tra gli altri il team di Luna Rossa e l'ex campione mondiale di motociclismo Loris Capirossi.

Fare incontrare la domanda con l'offerta. È questo lo scopo del Sardinian Job Day, la fiera del lavoro promossa dalla Regione Sardegna e dall'Aspal, l'agenzia sarda per le politiche attive del lavoro, che si terrà nei giorni 24 e 25 gennaio nel quartiere fieristico di Cagliari. Testimoni d'eccezione: il team di Luna Rossa che prepara la Coppa America di vela, l'imprenditrice pluripremiata Daniela Ducato, lo chef Luigi Pomata e l'ex campione mondiale di motociclismo Loris Capirossi.


Lo scopo della fiera è quello di mettere in contatto chi cerca lavoro con chi offre concretamente opportunità lavorative, per questo saranno proposte circa 5000 offerte di lavoro presentate da 300 imprese della Sardegna alla ricerca di personale. Si tratta di numeri importanti, quasi il doppio delle aziende rispetto al 2018, per un totale di 326 profili professionali, dei quali la maggior parte riguardano il comparto turistico, così suddivisi: il 43% riguarda l'area della Citta' metropolitana di Cagliari, il 30% il Nord Sardegna, il 10% il Nuorese e il 6% l'Oristanese. Ci saranno anche offerte di lavoro all'estero sulla rete Eures, in particolare per quanto riguarda i profili Ict (85%) e le professioni sanitarie (15%). Saranno rappresentate anche le agenzie per il lavoro di 9 regioni (Afol Metropolitana Milano, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna, Basilicata, Toscana, Umbria, Liguria e Trento) e parteciperanno enti analoghi di 17 Paesi del mondo, fra cui Polonia, Lettonia, Romania, Slovenia, Spagna, Belgio, Lussemburgo, Germania, Olanda, Danimarca, Finlandia, Austria, Malta, Svezia, Romania, Portogallo, Stati Uniti e Vietnam.

LEGGI ANCHE:  100 tirocinanti lavoreranno nei tribunali di tutta la Sardegna

Sono già quasi 30mila le candidature inviate al sito ufficiale dell'evento www.sardinianjobday.it e c'è ancora tempo fino al 13 gennaio per caricare il proprio curriculum. Scaduto il termine, i 28 Centri per il lavoro della Sardegna effettueranno la selezione utilizzando un algoritmo che procederà ad incrociare i curricula con le posizioni aperte in modo da trovare i profili più adatti per ogni opportunità di lavoro. È previsto che possano arrivare al colloquio con le imprese circa 15mila candidati. Per evitare le lunghe file dell'anno scorso, i varchi d'accesso alla fiera saranno triplicati e il sistema d'accesso sarà gestito con codici a barre. Elevata la quota di chi cerca il primo impiego ma sono tanti anche gli over 30 e gli over 50 pronti a cambiare lavoro.

LEGGI ANCHE: Fèminas: Coldiretti premia 7 donne simbolo del lavoro

Il direttore dell'Aspal, Massimo Temussi, precisa che l'attenzione dell'agenzia non sarà tanto rivolta a chi troverà il lavoro, quanto a chi vedrà rifiutata la sua candidatura: "Come Aspal siamo concentrati non solo su chi vedrà accolta la propria candidatura, ma soprattutto su coloro che se la vedranno rifiutare. È a loro che dobbiamo fornire i servizi dei centri per l'impiego, sempre piu' produttivi: al 1 luglio del 2018 avevamo raggiunto la produttività dell'interno 2017. Il nostro tasso di attività è aumentato del 464% e dei 640 dipendenti attuali il 73% ha una laurea, una percentuale tre volte più elevata rispetto alla media nazionale". L'anno scorso i Cpi in Sardegna hanno stretto circa 110 mila patti di servizio".

Il Sardinian Job Day non è soltanto un'occasione per trovare lavoro ma anche un'opportunità per imparare come orientarsi nel mondo del lavoro, dalla ricerca all'invio del curriculum. Sono infatti previsti 126 workshop di 40 agenzie di formazione professionale che illustreranno i propri corsi. Come sottolineato dal presidente della Regione, Francesco Pigliaru: "L'evento è anche un'opportunità per apprendere come cercare lavoro, in modo da incrementare le probabilità di trovarlo nel prossimo futuro", e ha continuato: "Sarà anche un'occasione per le imprese sarde per assumere attraverso gli incentivi previsti dal piano regionale LavoRas, che sono stati incrementati".

FOTO| Pixabay