I sardi vivono a lungo grazie ad amici e parenti

  • Scritto da Anna Maria Cantarella

Numerosi studi hanno evidenziato la connessione tra longevità e forti reti sociali.

Un rapporto intimo con amici e parenti, godere di una rete di rapporti sociali fitta, non è soltanto l’antidoto migliore contro la solitudine ma anche un vero e proprio segreto di longevità del quale evidentemente gli italiani sono a conoscenza.

Secondo numerosi studiosi di diverse università nel mondo, la longevità non sarebbe collegata soltanto alla predisposizione genetica e ad uno stile di vita sano ma anche alla quantità e alla qualità delle relazioni sociali che si instaurano durante la vita. Sulla CNN Health si legge che secondo una meta-analisi dei dati di 148 studi già pubblicati, le persone con poche connessioni sociali hanno un rischio di morte del 50% in più rispetto a chi invece ha molte relazioni. E ancora, secondo l’epidemiologa Lisa Berkman dell’università Harvard T.H. Chan School of Public Health a Boston, essere isolati si associa allo stesso rischio di morte di fattori noti come il fumo e chi è isolato corre un rischio maggiore di ammalarsi di pressione alta e di diabete.

LEGGI ANCHE| Comunità Mondiale della Longevità: nuovi obiettivi per il 2019

Lo confermano anche gli studiosi nostrani. Gianni Pes dell'Università degli studi di Sassari e studioso della longevità della regione, afferma infatti che in Sardegna le persone vivono più a lungo e più in salute perché hanno un’alimentazione sana, svolgono molte attività all’aperto ma soprattutto perché hanno costruito delle forti relazioni tra di loro: “La comunità è forte e dà supporto agli anziani. Le persone anziane vivono in famiglia fino alla fine" afferma Pes.

Sapere che qualcuno ci comprende, si prende cura di noi, ci fa buona compagnia e ci supporta, rende l’esistenza più felice e riduce il rischio di ammalarsi. In Sardegna lo sa bene Adolfo Melis, ultranovantenne che ancora lavora nel suo bar. Melis afferma di sentirsi attivo come un cinquantenne, non ha bisogno di occhiali per leggere e si sveglia presto tutte le mattine per accogliere i clienti del suo bar: “Tutti i miei clienti sono miei amici e ci conosciamo tutti”.

Foto| Pixabay