Nell'ultimo mese

Quirra: il processo va alla Corte Costituzionale

  • Scritto da Effe_Pi

Poligono QuirraDopo un'eccezione sollevata dalla Regione Sardegna sulla sua possibilità di chiedere un risarcimento danni, le carte giudiziarie verranno rimandate alla Consulta, critici i familiari delle vittime.

Sospeso il processo sul poligono interforze del Salto di Quirra che si celebra a Lanusei. E' stata infatti accolta l'eccezione di carattere costituzionale sollevata dagli avvocati della Regione Sardegna il 29 ottobre scorso e ora gli atti verranno trasmessi alla Consulta. I legali dell'amministrazione regionale avevano infatti contestato la legittimità del testo unico sull'ambiente del 2006 che, autorizzando solo lo Stato a reclamare il risarcimento per un danno ambientale, escluderebbe tutti gli enti territoriali. 

Ora per il proseguimento del processo sulla cosiddetta "Sindrome di Quirra", cioè l’anomala incidenza di tumori, malformazioni e leucemie riscontrato tra coloro vivono o lavorano a ridosso della struttura militare, occorrerà attendere la decisione dei giudici costituzionali. I legali delle vittime avevano espresso dubbi sull’opportunità dell'intervento della Regione che rischia ora di rimandare di molti mesi la decisione. 

Dal canto suo l’amministrazione regionale sottolinea come la sospensione del processo interrompa anche i tempi di prescrizione degli eventuali reati e, soprattutto, come una decisione positiva della Corte Costituzionale andrebbe a stabilire un principio generale importante per la salvaguardia del territorio regionale. Il processo sul presunto disastro ambientale provocato dalle esercitazioni militari ospitate per decenni nel poligono vede imputati sei generali che si alternarono al comando del poligono e due colonnelli.

Leggi anche