Storia della Sardegna a scuola: ecco la proposta di legge

  • Scritto da Effe_Pi

Sarà presentata a Laconi sabato 17 giugno e segue i problemi avuti dall'amministrazione locale di Lanusei nel tentativo di cancellare la toponomastica sabauda del paese.

Una proposta di legge sull'insegnamento della storia della Sardegna nelle scuole. Sarà presentata sabato 17 nel corso di un'iniziativa a Laconi nei locali di Palazzo Aymerich, con i Savoia nel mirino. Il gruppo consiliare locale "Insieme Per Laconi" e su Coordinamentu pro su Sardu Ufitziale, associazione di tutela della politica linguistica, partiranno dalla presentazione del libro di Francesco Casula "Carlo Felice e i tiranni sabaudi". Sarà il punto di partenza per una riflessione storica sull'operato dei monarchi piemontesi in Sardegna. Sono previsti gli interventi di Simona Corongiu, animatrice del Gruppo Insieme per Laconi, Giuseppe Melis, docente dell'Università di Cagilari, Paolo Cossu, editore, Paolo Pisu, esponente della Tavola Sarda della Pace.

LEGGI ANCHE | Lingua sarda: si investono solo 2 euro per cittadino

In chiusura è previsto l'intervento del giornalista Anthony Muroni che, a nome dell'associazione politico-culturale "Sardos", presenterà un progetto di legge per l'insegnamento della storia sarda nelle scuole. Temi di stretta attualità dopo le ultime polemiche sull'ipotesi di cancellare a Lanusei la nomenclatura sabauda dalla toponomastica del paese. Gli stessi Casula e Melis (rispettivamente autore e prefattore del libro) sono fondatori a Cagliari di un movimento che ha come obiettivo la rimozione della statua di Carlo Felice dall'omonima piazza. "Abbiamo organizzato questa manifestazione - spiega la consigliera comunale Simona Corongiu - perché in seguito alle recenti vicende è necessaria una sensibilizzazione della popolazione, delle associazioni e dei movimenti identitari che non sia una sterile protesta rituale. L'opportuna presentazione di una proposta di legge può aiutare i sardi a leggere meglio la propria storia e il proprio presente".

Photo | Pixabay

Leggi anche