Afghanistan, le condizioni dei taliban

Per i taliban la condizione fondamentale per sedersi al tavolo dei negoziati è che tutte le truppe straniere lascino l’Afghanistan.

da Internazionale

I primi colloqui diretti tra governo afgano e taliban, che si sarebbero dovuti tenere a Islamabad, in Pakistan, all’inizio di marzo, sono stati annullati. I taliban, infatti, hanno smentito “le voci” sulla loro partecipazione diffuse dal governo pachistano, che si è proposto come negoziatore tra le due parti in una serie di colloqui insieme agli Stati Uniti e alla Cina.

Per i taliban la condizione fondamentale per sedersi al tavolo dei negoziati è che tutte le truppe straniere lascino l’Afghanistan, mentre gli statunitensi hanno intenzione di mantenere un contingente militare almeno fino al 2017.

Nell’ultimo anno i taliban hanno ottenuto numerosi successi sul terreno e potrebbe essere un modo per ottenere di più dai negoziati.

Approfondisci:

E anche i curdi (armati dagli Usa contro l'Isis e con un'ambasciata aperta a Mosca nel 2016) e le varie fazioni dei ribelli erano parte della trattativa attraverso le potenze di riferimento. Ma che la complicata architettura orchestrata da Putin sia ...
20 feb 11:06 – (Agenzia Nova) – Esattamente due anni fa l’allora primo ministro britannico David Cameron ritorno’ da un ciclo di trattative a Bruxelles ... che includono missioni in Afghanistan, Mali, nel Mediterraneo e, soprattutto, la forza ...
Rinunciando alle trattative e ponendo la questione della forza come inevitabile, per tutti anche per se stessi, i talebani mettono a nudo i piani del governo-fantoccio. E insinuano alla Casa Bianca la tara d’una ripresa del conflitto in prima linea.
Ciò ha comportato, negli ultimi trenta anni, partecipare a interventi cd “umanitari” o di liberazione o altro (Kossovo, Iraq, Afghanistan ... nuovo Concordato Craxi-Casaroli , ha concluso una trattativa di cui non facciamo fatica a intuire i contenuti.
Lo guida il generale Rodolfo Sganga, ufficiale con esperienze in Afghanistan e negli Usa ... periodicamente fanno acquisti in mercatini. «La popolazione ha gradito. Dobbiamo essere meno invasivi e conquistarci il sostegno», spiega il comandante della ...