Afghanistan, le condizioni dei taliban

Per i taliban la condizione fondamentale per sedersi al tavolo dei negoziati è che tutte le truppe straniere lascino l’Afghanistan.

da Internazionale

I primi colloqui diretti tra governo afgano e taliban, che si sarebbero dovuti tenere a Islamabad, in Pakistan, all’inizio di marzo, sono stati annullati. I taliban, infatti, hanno smentito “le voci” sulla loro partecipazione diffuse dal governo pachistano, che si è proposto come negoziatore tra le due parti in una serie di colloqui insieme agli Stati Uniti e alla Cina.

Per i taliban la condizione fondamentale per sedersi al tavolo dei negoziati è che tutte le truppe straniere lascino l’Afghanistan, mentre gli statunitensi hanno intenzione di mantenere un contingente militare almeno fino al 2017.

Nell’ultimo anno i taliban hanno ottenuto numerosi successi sul terreno e potrebbe essere un modo per ottenere di più dai negoziati.

Approfondisci:

Ogni monumento, oltre a rappresentare la Storia, ha dunque anche una sua storia spesso preceduta da una lunga trattativa, più o meno conflittuale ... il vuoto lasciato dai Buddha di Bamiyan, in Afghanistan, distrutti dai talebani nel 2001.
Perché con lui hanno aperta una schizofrenica e defatigante altalena di trattative cui seguono periodicamente anche ... in armi come forza eversiva per la propria penetrazione in Afghanistan all’interno di un mai celato disegno egemonico nella regione.
L’ISIS ha rivendicato l’attentato mentre i talebani hanno negato un coinvolgimento nel tragico episodio avvenuto nella capitale dell’Afghanistan ... riguardante la possibilità di intavolare trattative e colloqui volti al mantenimento della pace ...
Nel marzo 2007, durante il sequestro in Afghanistan del giornalista de "La Repubblica", Daniele Mastrogiacomo, ha assunto una posizione di rilievo nelle trattative per la sua liberazione. Tra i suoi libri vanno ricordat"Pappagalli verdi: cronache di un ...
L'Emirato islamico dell'Afghanistan - nome che utilizzavano i talebani quando furono al governo (1996-2001) - ha più volte posto come precondizione a qualsiasi trattativa il ritiro delle truppe straniere.