IN Breve

Elezioni in Africa: cinque paesi alle urne

Elezioni in Congo, Tanzania, Capo Verde, Niger e Senegal.

da Internazionale

Il presidente uscente Denis Sassou Nguesso, al potere dal 1979 con un breve intervallo, ha vinto le presidenziali del 20 marzo in Congo con il 67 per cento dei voti. Cinque candidati d’opposizione hanno denunciato brogli e hanno invitato i cittadini a scendere in piazza per protestare. In ottobre Sassou Nguesso aveva fatto modiicare la costituzione per potersi candidare a un nuovo mandato.

Il principale partito di opposizione, il Movimento per la democrazia (Mpd, liberale), ha ottenuto la maggioranza assoluta nelle elezioni legislative del 20 marzo a Capo Verde, sconfiggendo il Partito africano per l’indipendenza di Capo Verde (Paicv, socialista). Il leader dell’Mpd, Ulisses Correia e Silva, sarà il nuovo premier.

Il presidente uscente Mahamadou Issoufou è stato confermato al secondo turno delle elezioni presidenziali, che si è tenuto il 20 marzo in Niger, boicottato però dall’opposizione. Issoufou ha ottenuto il 92,49 per cento dei voti.

Il referendum costituzionale del 20 marzo in Senegal è stato approvato dal 63 per cento degli elettori. La riforma, voluta dal presidente Macky Sall, prevede la riduzione del mandato presidenziale da sette a cinque anni.

Il partito al potere in Tanzania, il Chama Cha Mapinduzi, ha vinto le elezioni del 20 marzo a Zanzibar, annullate a ottobre e boicottate dall’opposizione.

Approfondisci:

La premier ringrazia il leader tunisino per gli "ottimi risultati" nella lotta ai trafficanti. Il Memorandum con l’Ue resta al palo, ma l’Italia va ...
Gli ambasciatori del Quintetto per il Libano - Lisa Johnson (Stati Uniti), Walid Boukhari (Arabia Saudita), Hervé Magro (Francia), ...
Lomé (Agenzia Fides) –Rimane alta la tensione in Togo dove i partiti di opposizione si sono uniti per contrastare la nuova Costituzione approvata dall’Assemblea Nazionale il 25 marzo, il cui testo è s ...
Mentre l'Africa si apre al futuro, a sempre nuove forme di sviluppo e di collaborazione internazionale, l'Europa ripiomba indietro, ai tempi della Guerra Fredda.
La decisione finale del tribunale è prevista per martedì prossimo, mentre la commissione pubblicherà la lista finale dei candidati ammessi alle prossime elezioni il 10 aprile.