Nell'ultimo mese

Slovacchia, avanza l’estrema destra

Il panorama politico slovacco è uscito profondamente cambiato dalle elezioni legislative del 6 marzo.

da Internazionale

Pur rimanendo la prima forza del paese, il partito del premier populista Robert Fico, lo Smer, ha subìto un tracollo, nonostante la scelta di cavalcare l’islamofobia e la retorica contro l’immigrazione.

Gli elettori sensibili a questi temi hanno preferito la destra radicale, come testimoniano il successo del Partito popolare Slovacchia nostra (Lsns) di Marian Kotleba, su posizioni quasi neonaziste, e il ritorno in parlamento dell’ultranazionalista Partito nazionale slovacco (Sns).

La destra moderata del Sas ha registrato una crescita limitata, che non le consentirà di governare. Il quotidiano Sme osserva che “Kotleba non è venuto dal nulla. Fa politica da una ventina di anni e proviene da ambienti chiaramente fascisti. Ma solo ora sembra aver imparato come muoversi, facendo riferimento a esperienze del passato (il nazismo) e a modelli attuali (gli ungheresi di Jobbik e i greci di Alba dorata)”. Il punto è che “con la sua retorica nazionalista Fico ha seminato vento, e oggi raccoglie tempesta”.

Hospodárské noviny ritiene comunque positivo il fatto che Fico abbia subìto una sonora sconitta e invita a non “bollare come idioti quelli che hanno votato l’estrema destra. Sono cittadini che lavorano e pagano le tasse. Spingerli ai margini sarebbe molto pericoloso e alle prossime elezioni potrebbe portare a sorprese ancora peggiori”.

Approfondisci:

Il primo incontro tra i responsabili delle trattative per il Regno Unito e per l’Ue avverrà a Bruxelles, subito dopo le elezioni indette dalla premier inglese Theresa May Bruxelles – Undici giorni: questo il tempo che intercorrerà tra le elezioni che ...
Già nelle scorse elezioni parlamentari del marzo 2016 il Partito Popolare Nostra Slovacchia avrebbe preso il maggior numero di voti dagli elettori più giovani, quelli nella fascia 18-29 anni, in gran parte studenti, impiegati e lavoratori autonomi.
26 Elezioni in Francia, il mistero del ragazzo con il berret ... 52 Giovanni Zanon, il violinista prodigio Alfiere di Mattarella 53 Slovacchia, giro da brividi in mountain bike: sbuca l'ors... 54 Usa, dal cavallo al cane a "Smoke on the water": il ...
24 Elezioni in Francia, il mistero del ragazzo con il berret ... 51 Giovanni Zanon, il violinista prodigio Alfiere di Mattarella 52 Slovacchia, giro da brividi in mountain bike: sbuca l'ors... 53 Usa, dal cavallo al cane a "Smoke on the water": il ...
specialmente in tempo di elezioni. Ecco i pensieri del primo vice presidente della Commissione europea, Frans Timmermans. Solidarietà sembra essere la parola più difficile da pronunciare a Budapest e a Bratislava. L’Ungheria e la Slovacchia sono i più ...

Leggi anche