Musei sardi verso il restyling tra fondi e web

  • Scritto da Effe_Pi

Per il polo museale della Sardegna arrivano 20 milioni dal Mibact, ecco tutta la lista dei siti su cui verranno effettuati interventi.

I siti museali della Sardegna fanno un restyling e arrivano anche 20 milioni per migliorare i musei isolani. Parte proprio dai siti sardi la rivoluzione digitale della comunicazione dei luoghi della cultura, che punta a far conoscere al mondo le ricchezze artistiche storiche e archeologiche dell’Isola. E’ la Sardegna infatti l’apripista al progetto "Fare rete per creare un sistema museale integrato", che avrà respiro nazionale con il sito mobile friendly musei.sardegna.beni culturali.it, in linea con il MuD-Museo Digitale, nuova piattaforma online sviluppata da Mibact e Ales, società in house del Ministero. Il sito racconta la storia dei musei e delle due aree archeologiche di Tharros e Nora, recentemente assegnate al Polo Museale della Sardegna, tra schede informative multilingue e un magazine e si pone come strumento che offre la possibilità di utilizzare in modo proficuo l'Art Bonus. 

LEGGI ANCHE | Mont'e Prama entra tra i grandi musei nazionali

Intanto circa 20 milioni arriveranno in Sardegna dal Mibact, per azioni sul patrimonio museale statale, una serie di azioni per la riqualificazione delle periferie urbane e numerosi restauri di beni culturali segnalati dal territorio. In particolare, ci sono 300mila euro per il complesso nuragico Palmavera ad Alghero, 700mila alla reggia di Barumini, 700mila alla pinacoteca Musa al Canopoleno di Sassari, oltre 2 milioni per il rilancio del museo etnografico Sanna di Sassari, 577mila all'area archeologica Turris Libisonis e 2,8 milioni ad area archeologica più Antiquarium turritano.

Oltre 3,3 i milioni destinati al ponte romano (restauro e consolidamento) di Porto Torres, 600mila a Nora, 300mila al museo Asproni di Nuoro. A Oristano andranno 700mila euro per l'ex convento di San Francesco e 600mila alla Cattedrale cittadina. A Palau oltre un milione per le ex batterie militari di Monte Altura e Capo d'Orso, 400mila al tempio paleocristiano di Cornus-Cuglieri, 600mila euro a Tharros. Per Cagliari 1,2 milioni per la Torre di San Pancrazio, 800mila a Tuvixeddu, 700mila per l'area di Porta Cristina, 600mila alla Cittadella dei musei, 600mila alle necropoli puniche. "Le risorse stanziate oggi - ha dichiarato il ministro Dario Franceschini - segnano un importante traguardo con il primo, grande piano di prevenzione del rischio sismico per i musei statali e la messa in sicurezza del patrimonio culturale”.

Foto | Clint Budd su Flickr