Nell'ultimo mese

L'inverno davanti al caminetto della cultura di Bauladu

  • Scritto da Effe_Pi

Giunge alla settima edizione la kermesse letteraria diffusa nel paese dell'oristanese: quest'anno tra gli ospiti il cantautore Iosonouncane,  Pierpaolo Capovilla, Massimo Zamboni e il cinema su Sergio Atzeni.

Di Paolo Ardu

Sabato 12 e domenica 13 marzo a Bauladu, in provincia di Oristano, ritorna Ananti de sa Ziminera, festival letterario diffuso giunto alla sua settima edizione organizzato dalla Consulta Giovani del paese e dall’associazione di promozione sociale Jannaberta. In questo ritorno d'inverno, davanti all'idea di un focolare intorno al quale discutere, si parlerà di diversi temi locali, nazionali e internazionali. Il sabato, attraverso il pensiero politico di Adriano Olivetti e grazie alla collaborazione con l'omonima Fondazione, si osserverà il caso Montiferru. Seguiranno le memorie di Ken Saro­Wiwa, uno degli intellettuali nigeriani più significativi dell'Africa postcoloniale, nel racconto di sua figlia.

In serata si parlerà della Sardegna di Sergio Atzeni nel cinema e, dopo il successo dell'anno scorso della cantautrice pugliese Erica Mou, quest'anno lo spazio musicale vedrà protagonista Iosonouncane, sardo e bolognese d'adozione, nell'unica tappa isolana del suo tour di inizio anno. La domenica l'omaggio ad Antoni Simon Mossa, ideologo ed esponente dell'indipendentismo sardo, nel centenario della sua nascita, verrà preceduto da un racconto sui luoghi e i contesti odierni della musica sarda. In chiusura, in collaborazione col Cabudanne de sos Poetas, il reading “L’eco di uno sparo. Cantico delle creature emiliane (e sarde)”.

Il programma integrale dell'edizione 2016 nel dettaglio:

Sabato 12/03

ore 17.00 | Domu Carta­Erdas
L’ordine politico delle comunità. Il pensiero di Adriano Olivetti e il caso Montiferru con Beniamino de’ Liguori Carino, Nicolò Migheli e Alessandro Mongili

ore 18.30 | Domu Zoccheddu­Erdas
Io, mio padre e la Nigeria. In ricordo di Ken Saro­Wiwa Pierpaolo Capovilla incontra Noo Saro­Wiwa (con traduzione simultanea a cura di Rosella Zoccheddu)

ore 21.30 | Biblioteca Comunali
Sergio Atzeni al cinema. Un nuovo modo di raccontare la Sardegna con Antioco Floris e Daniele Atzeni proiezione del film ‘Madre Acqua’ di Daniele Atzeni (Sardegna, documentario, 2015, 74’)

ore 23.00 | Tzentru Sotziali Comunali
Iosonouncane in concerto. Die acustico - Dopofestival d’autore | ingresso 12,00 euro

Domenica 13/03

ore 11.00 | Domu Carta­Erdas
Contesti e luoghi della musica sarda nel terzo millennio Marco Lutzu incontra Ottavio Nieddu

ore 17.00 | Domu Carta­Erdas
Dall’utopia al progetto. Omaggio ad Antoni Simon Mossa nel centenario dalla nascita con Pietro Simon, Federico Francioni, Andrea Faedda e Simone Censi

ore 18.30 | Domu Zoccheddu­Erdas
L’eco di uno sparo. Cantico delle creature emiliane (e sarde) reading di Massimo Zamboni e dialogo con Mario Cubeddu

Sul web potete seguire gli aggiornamenti sul programma e su altre iniziative legate al festival su

www.anantidesaziminera.net http://on.fb.me/1BctKNQ (Facebook) @anantiziminera (Twitter) – hashtag: #adsz2016

Leggi anche