Nell'ultimo mese

Proverbi di Sardegna: saggezza popolare dell'isola

  • Scritto da Effe_Pi

Proverbi SardegnaUna raccolta dei detti in limba per i lettori di IteNovas, i proverbi sono una delle maggiori espressioni della cultura tradizionale sarda e spesso sono del tutto originali proprio per l'uso di una lingua diversa dall'italiano.

Il proverbio attualmente da indovinare è: In s’àiri brebèis, aqua finas a pèis - In aria le pecore, acqua fino ai piedi

 

 

Ecco invece quelli che vi abbiamo già proposto:

 

Aqua e frìus, annad’‘e pipius - Acqua e freddo, annata di bambini. 

Arregordai is mortus in sa mesa - Ricordare i morti a tavola. 

Atongiu spilìu, baccargiu famìu - Autunno pelato, vaccaro affamato

Aundi has fattu s’jerru fai s'istadi - Dove hai passato l'inverno passa l'estate

Est andau allu i est torrau cibudda - E' andato aglio ed è tornato cipolla

Aqua e soli, annad’‘e lòri - Acqua e sole, annata di buon raccolto

A chini fàit su bovu, totus dd’appatìgant - Chi fa il semplicione è calpestato da tutti

A corpu a corpu s’indi sègat sa matta - Colpo a colpo si taglia l'albero

A pregontu si àndat fintaz a Roma - Chiedendo si arriva fino a Roma

Durai de Pasca a Santu Stevini - durare da Natale a Santo Stefano

Candu no cùrrint is cuaddus cùrrint is molentis - Quando non corrono i cavalli corrono gli asini

Arrìri de is carrus furriaus

A cani chi pàppat cinixu no ddi fìdis su lardu

De Paschixedda in susu, frìus e fàmini prus - Da Natale in poi, più freddo e più fame

Candu c'est famini no si castiada su pappai - Quando si ha fame non si guarda cosa si mangia

Po tres arrialisi de pibiri ha perdiu sa cassola - Per tre grani di pepe ha perso tutta la pentola

Si oisi binu in cuba, in marzu puda - Se vuoi vino nella botte, a marzo devi potare

Fai comenti fainti in Bosa, candu proidi lassanta proi - Fare come a Bosa, quando piove lasciano che piova

Acciappai s'anguidda po sa coa - Acchiappare l'anguilla per la coda

S’apprettu faidi bessiri su becciu a curri - Il bisogno porta anche il vecchio a correre

Andai a mari e non agattai abba - Andare al mare e non trovare acqua

Druci cumenti su meli - Dolce come il miele

Chentu concas, chentu berrittas - Cento teste, cento berretti

Sa mala fama impiccat s'homine - La cattiva fama impicca l'uomo 

Domu chene misura, domu chene ventura... Casa senza misura, casa senza fortuna

Sa pobidda de su ladroi ponidi sa padedda senz'e pezza - La moglie del ladro mette la pentola sul fuoco senza carne

Su caminu cruzzu imbecciat su burriccu - La strada corta invecchia l'asino

Chi tenidi prus ricchesas, tenidi prus pensamentos - Chi ha più ricchezze, ha più preoccupazioni

Confida in totus e fidadì de pagus - Confida su tutti e fidati di pochi

Arrubiu chi su fogu - Rosso come il fuoco

Maist'e ferru, schidonis de linna - A fabbro ferraio, spiedi di legno

No castis mai cuaddu in beranu e femia in di de festa - Non guardare mai il cavallo in primavera e la donna nei giorni di festa

Casca casca chi benit sa Pasca - Sbadiglia, sbadiglia che viene Pasqua

Deus serrada una ventana e oberridi unu portoni - Dio chiude una porta e apre un portone

Chi criccada is corrus allenus, dui lassada is suos - Chi cerca le corna altrui, ci lascia le sue

Su trigu de Marzu, no du messas artu - Il grano di Marzo non si miete alto

Chi mali si croccada, peus si ndi pesada - Chi si corica male, si alza peggio

Cuaddu lanzu, musca meda - A cavallo magro, molte mosche

Pira cotta pira crua, dognunu a domu sua - Pera matura pera acerba, ognuno a casa sua

 

 

Leggi anche