Nell'ultimo mese

Norimberga: 70 anni dopo un ricordo in foto

  • Scritto da Effe_Pi

A Cagliari si apre domani al Pablo Caffè fotografico la mostra "Say cheese, please" di Marco Mostallino, con immagini ispirate ai processi contro i gerarchi nazisti avviati nel 1945.

Dalla Sardegna una mostra fotografica che ricorda il settantesimo anniversario dell'avvio dei Processi di Norimberga, per riflettere su quella “banalità del male” resa celebre dall'omonimo libro di Hannah Arendt, che riaffiora oggi nei movimenti xenofobi e neonazisti europei: si chiama “Say cheese, please”, del fotografo Marco Mostallino, e sarà aperta a Cagliari da domani, giovedì 19 novembre (vernissage dalle 18,30), al “Pablo Caffè fotografico” di via Martini 20.

Si tratta di otto immagini, che hanno come sottotitolo “Norimberga 70 anni dopo” (il 20 novembre 1945 ci fu la prima udienza), “realizzate fra il Museo di Dachau e quelli di Berlino - scrive la curatrice Raffaella Venturi nella presentazione -  e che Marco Mostallino ha fatto diventare volutamente parziali, sgranate, sovraesposte” per sottolineare il loro apparente non senso. Con in calce, come su vecchie Polaroid, citazioni da libri quali “Lei ha mai visto Hitler?”, di Walter Kempowski, “Il diario personale di Joseph Goebbels” e "I taccuini di Norimberga", di Leon Goldensohn. Scatti e frasi che lambiscono il concetto della “banalità del male”, dal famoso saggio che la Arendt dedicò al processo Eichmann, e che restano ancor oggi attuali. La mostra “Say cheese, please” resterà aperta fino al 30 novembre, per riflettere sulle conseguenze del fanatismo, in primo luogo quello nazifascista e razzista e tutti quelli che funestano un periodo storico drammatico come quello che stiamo vivendo.

Leggi anche