Nell'ultimo mese

Comunali 2014: Maria Francesca Lampis - Guasila

  • Scritto da Effe_E

Maria Francesca Lampis - Guasila1) Saprebbe individuare (uno o più) problemi principali del suo comune e offrire brevemente alcune soluzioni per risolverli?

La popolazione del mio comune ha sempre meno fiducia (anche) negli amministratori locali, che troppo spesso non si adoperano abbastanza per la risoluzione dei problemi del paese, mentre si distinguono nel perseguire l'interesse particolare di pochi privilegiati.

Inoltre, il paese è ormai da decenni in progressivo decadimento sociale, ambientale, morale ed economico. Per intraprendere il percorso tendente alla risoluzione di entrambi i problemi occorre un'amministrazione competente, innovativa e virtuosa, che abbia come obiettivo prioritario il bene del paese. A tal fine credo che una massiccia iniezione di donne nelle liste comunali possa già di per se far la differenza.

La comunità locale non è altro che una grande famiglia, in cui è essenziale saper gestire al meglio le scarse risorse, preoccuparsi del benessere sociale ed ambientale dei propri concittadini e dare il buon esempio nell'espletamento di tali compiti istituzionali.

Le donne, in particolare le madri di famiglia, sono capaci, per natura e necessità, di svolgere più compiti contemporaneamente e sono oggi una risorsa a cui non dobbiamo, ne possiamo, più rinunciare per un proficuo governo del territorio.

Occorre ridare fiducia ai cittadini giustamente arrabbiati, delusi e sfiduciati dai comportamenti poco esemplari degli amministratori, che li allontanano anche dal voto.

Occorre una NUOVA POLITICA che nei piccoli comuni come il mio, che costituiscono la maggioranza dei comuni italiani, può produrre una nuova classe dirigente, di cui l'Italia ha assolutamente bisogno.

2) La politica oggi è impopolare ma i sindaci sono gli amministratori più vicini al cittadino: come pensa possano contribuire a far recuperare fiducia nelle istituzioni?

I cittadini si allontanano dalla politica perché essa è autoreferenziale e pensa principalmente a mantenere ed accrescere i propri privilegi di casta, piuttosto che alla crescita della Comunità che dovrebbe rappresentare.

Ritengo che un concreto cambiamento possa avvenire principalmente dal basso, ossia dai Comuni in cui i Sindaci, quali politici più a stretto contatto con i cittadini, possono svolgere un ruolo determinante e propulsivo. E' principalmente con il buon esempio di amministratore corretto, onesto e operoso nei confronti dell'intera comunità, e non solo di alcuni privilegiati o "accozzati", che i cittadini possono riacquistare fiducia nelle istituzioni. Fiducia persa a causa della corruzione, imperante come non mai, e del malaffare, che caratterizzano le (troppe) istituzioni presenti in Italia.

Occorrono primi cittadini onesti, competenti e innovativi, che si impegnino per la crescita sociale, morale, civica ed ambientale della comunità che li ha espressi. E' fondamentale, inoltre, nell'attuale carenza di sufficienti risorse economiche, che i Sindaci sappiano coinvolgere la popolazione alla PARTECIPAZIONE ATTIVA, per il conseguimento del BENE COMUNE.

3) Quali sono i temi programmatici fondamentali su cui punterà per sconfiggere i suoi avversari alle prossime elezioni?

Punterò al perseguimento di un miglior utilizzo di tutte le risorse comunali attraverso la razionalizzazione dell'organizzazione, che deve essere rapportata alle peculiarità di un piccolo comune, e alla riduzione delle spese, in funzione di migliori servizi e minori tasse. Non è più tempo di sprechi di alcun genere e ritengo assolutamente doveroso e possibile ottenere una migliore gestione complessiva del Comune.

Occorre inoltre ridurre la progressiva estensione del perimetro abitato e incentivare in vario modo il recupero e la ripopolazione del centro, anche storico, del paese. Ritengo, inoltre, che sia necessario migliorare il paese sotto l'aspetto strutturale e del decoro urbano.

Un paese più bello e curato sarà fonte di soddisfazione per i cittadini, più attraente per nuovi residenti e visitatori, nonché fonte di occupazione e movimentazione dell'economia stessa.

4) Ci dica una cosa positiva e una negativa fatte delle amministrazioni che ha avuto la sua città negli ultimi anni.

Ritengo che la recente pavimentazione in pietra di buona parte del centro storico possa essere considerata una cosa positiva fatta dalle ultime amministrazioni comunali.

Mentre valuto negativamente il permanere della carenza strutturale e di idonee attrezzature degli impianti sportivi, pur presenti, che non consente ai cittadini un proficuo utilizzo degli impianti ed obbliga le società sportive del paese a emigrare in altri Comuni, più attrezzati, per svolgervi importanti manifestazioni sportive.

Maria Francesca Lampis
Amare Guasila
Comune di Guasila

Leggi anche